milanodabere.it

L’abbraccio Vienna

Il Museo Belvedere di Vienna si affaccia su uno specchio d’ suggestivo, ma


artificiale. Villa Olmo ha di fronte il verde dell’elegante giardino e il blu del


lago di Como. Fatte le debite proporzioni, i capolavori custoditi nel museo


austriaco non soffriranno del soggiorno italiano in siffatta, splendida,


atmosfera.


Qui, Le luci rarefatte, gli stucchi, le dorature e gli affreschi neoclassici sono


i “compagni di sala” di 80 dipinti (e tre sculture) della storia dell’arte moderna


austriaca. L’abbraccio di Vienna è il titolo della mostra: perchè sì, il pezzo


forte è il carnalissimo, omonimo quadro di Egon Schiele, e poi perchè – aiutati


dall’intimità di tale raffinata scenografia – le opere finscono con l’avvolgere il


visitatore nell’aria decadente e maliziosa viennese. Si comincia dal Barocco e i


volti irriverenti di Franz Masserschmidt. Via via che gli anni passano sottoforma


di quadri, la sensualità si intimidisce meno e così voilà la Donna addormentata di


Johanne Baptiste Reiter. La pelle rosea, le lenzuola candide, forse la bela


fanciulla non è sprofondata nel sonno.


Seguono, tra gli altri, il ritratto della imperatrice____ , austera e poco


intenzionata a scaldare il sangue nelle vene. L’uomo solitario e ripiegato su se


stesso di ____ creato con pennellate brevi e sottili, si intravede l’angoscia che


esploderà con Schiele. Ma prima, largo ai Secessionisti e dunque a Klimt. I lilla


del Castello di Kammer sul Lago Atter abbagliano, come pure i riflessi lacustri:


come non pensare alle rive lacustri a pochi metri di distanza da Villa Olmo? Si


gode del pallore di Johanna Staude e poi la non si contiene. Gli occhi


scivolano verso il Ritratto del dottor Hugo Koller, risucchiato tra i libri nel


suo bel completo velluto dal gioco prospettico del suo autore, Schiele.


L’abbraccio avvolge in una pericolosa morsa di possesso più che di passione, due


amanti, mentre balugina una disperata follia negli sguardi di _________ e_______ .
Kokoschka tira su il morale con la vivacità della grande tela ________ La potenza


dell’angoscia, di una forza che arriva forse nell’aver guardato giù nel fondo


dell’animo umano, trova pieno spazio nel Tigone.


Si voltano le spalle ai quadri e pare che il tempo sia passato troppo in fretta.


Ancora un altro giro. Come sulle giostre. I ritratti, i paesaggi di Klimt, dei


suoi discepoli sembrano eseguiti attraverso un velo, l’effetto finale è una


sfuggente, come certe fotografie in seppia di un passato lontano,


desiderabile. Verrebbe voglia di oltrpassare quel telo e trovare al di là non il


lagon di che fuori attende increspato, forse lo specchio d’ di Vienna.


Annus Domini 1917.
  


 


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/customer/www/milanodabere.it/public_html/wp-content/themes/milanodabere/functions.php on line 148