libri

La riapertura delle altre biblioteche di Milano

Milano è cultura. Al via la riapertura di altre biblioteche a Milano, cinque rionali a cui si aggiungono oltre 3mila prenotazioni in tre giorni. Il grande successo di Milano da Leggere che supera i 100mila download

La Fase 2 del Sistema Bibliotecario Milanese prosegue con la riapertura da martedì 9 giugno di altre cinque biblioteche a Milano. Si tratta di rionali del Sistema Bibliotecario Milanese che si aggiungono alle nove aperte dal 26 maggio. Le prime sono Affori, Baggio, Chiesa Rossa, Gallaratese, Niguarda, Oglio, Sormani, Tibaldi, Valvassori Peroni. Le sei riaperte dal 3 giugno invece sono Fra Cristoforo, Lorenteggio, Sant’Ambrogio, Sicilia, Venezia, Vigentina.

Ecco invece quali sono le cinque nuove biblioteche e con quali orari:


Accursio (mar, gio: 9.30/ 14.30, mer, ven: 14.00/19.00, sab: 9.30/14.00). Dergano (mar, gio: 9.30/ 14.30), mer, ven: 14.00/19.00, sab: 9.30/14.00). Parco (mar, gio: 9.30/ 14.30, mer, ven: 14.00/19.00, sab: 9.30/14.00). Harar (mer, ven: 14.00/19.00, giov: 9.30/14.30, sab: 9,30/14). Cassina Anna (mar, gio: 9.30/14.30, sab: 9.30/14.00).

Nelle nove biblioteche aperte dal 26 maggio è già attivo dal 3 giugno il servizio di prenotazione online. Il servizio si estenderà progressivamente anche con la riapertura delle altre biblioteche a Milano. Al momento, sono attivi solo i servizi di prestito dei libri prenotati prima della chiusura e restituzione.

Milano è cultura: i grandi numeri anche in

Dal 26 maggio al 5 giugno sono stati prestati 3.931 e ne sono stati restituiti 13.961. L’apertura del servizio di prenotazione ha visto nei primi tre giorni di apertura 3.028 richieste. Un boom che testimonia come il lockdown abbia compresso un grande desiderio di leggere su carta.

Tuttavia, la lettura su supporto digitale prosegue con il successo dell’iniziativa Milano da leggere. L’iniziativa di promozione della lettura ideata dal Sistema Bibliotecario Milanese che ha già superato i 100mila download. I titoli sono disponibili sul sito comune.milano.it/milanodaleggere.

Il sistema bibliotecario milanese è stato una grande risorsa durante i tre mesi di lockdown e ora, già all’avvio della Fase 2, si rivela un presidio culturale e un servizio essenziale per i cittadini – ha dichiarato l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno –. Il successo di ‘Milano da Leggere’, inoltre, conferma che l’avvicinamento al mondo digitale ha fidelizzato molti utenti a questo nuovo supporto, rendendo ancora più accessibile il patrimonio civico di libri e opere multimediali”.

Leggi anche:

Milano da leggere 2020