La poetessa Carmen Yanez ricorda il marito Sepulveda

La poetessa Carmen Yanez attraverso un’intervista a Repubblica ricorda il marito Luis Sepulveda. Toccanti le sue parole. “Quando sarà possibile, lo riporteremo in Patagonia”

Carmen Yanez Sepulveda, nata a Santiago del , è una nota poetessa. Dopo le prime nozze con il marito Luis Sepulveda, mancato il 16 aprile, e dopo la nascita del figlio Carlos, i due si sono lasciati per ritrovarsi poi anni dopo. Rilascia una toccante intervista a Repubblica, oggi, per ricordare il marito, scomparso dopo aver contratto il Coronavirus.

Il dolce ricordo della moglie

Sebbene ormai avesse un’altra nazionalità, Luis era un hombre cileno e in Cile voglio riportarlo. Era nato nel nord del Cile, ma è in Patagonia che voleva tornare” ricorda la poetessa Carmen Yanez. La moglie condivideva, in Italia, la stessa casa editrice del marito, Guanda. I due avevano contratto il Covid insieme in Portogallo, dov’erano ospiti di un recente festival di letteratura.


Dopo che gli era stata diagnosticata una polmonite nel centro medico a cui ci eravamo rivolti ed è risultato positivo al Covid 19, un’ambulanza ci ha portato nell’ospedale di Oviedo. È andato a letto sulle sue gambe, all’inizio non sembrava così grave. Lo sentivo al telefono, era felice perché i miei sintomi erano più lievi e perché io ero risultata negativa al tampone, ma poco dopo si è aggravato (…) Sembrava avere vinto, l’ultimo tampone era negativo ma sono subentrate delle complicazioni. Quando sarà possibile organizzeremo una piccola cerimonia di addio perché tutti i suoi figli e i suoi nipoti e i suoi amici possano salutarlo. E poi lo porteremo in Patagonia” così lo ricorda la poetessa tra le pagine di Repubblica.

Luis Sepulveda

Aveva settant’anni e si trovava in Spagna al momento della sua morte. L’autore di capolavori che hanno segnato la letteratura del Novecento aveva lasciato il suo Cile dopo l’incarcerazione subita da parte del regime di Pinochet. Tra le sue opere più note, Il vecchio che leggeva romanzi d’amore, Storia di una gabbianella e di un gatto che le insegnò a volare, Il mondo alla fine del mondo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

 ⬅️

Un post condiviso da Milanodabere.it (@milanodabere_it) in data:

Leggi anche:

Addio a Sepulveda
I libri di Sepulveda che ci piacciono e perché