Milano da leggere

I libri da leggere consigliati da Instagram

Attori, registi, giornalisti. Oppure librerie indipendenti, #booksblogger, #bookslover. Tutti pazzi per i . In questo periodo in cui è necessario stare a casa sono tanti i da leggere consigliati dai profili scovati in giro. Eccone alcuni

L’emergenza sanitaria ci impone di stare a casa – è nostro dovere, facciamolo. Lezioni in streaming, musei visitabili navigando online, lavoro da portare a termine per chi è in smart working. Oppure, ancora, libri da leggere. Dopo aver consigliato gli ultimi usciti, ecco una serie di suggestioni che ci arrivano direttamente da Instagram, scorrendo qua e là. Una serie di consigli che arrivano da fonti più che autorevoli.

A cominciare da

Il regista, sul suo profilo Instagram ha il bel vizio di postare le sue , in modo particolare in questo periodo. Tra i libri da leggere consigliati dal papà di The Young/New Pope, anche Lessico famigliare di Natalia Ginzburg, piccolo capolavoro. Un premiato romanzo autobiografico tradotto in molte lingue che racconta le vicende di una famiglia italiana dagli anni Venti fino agli anni Cinquanta.


 

Visualizza questo post su Instagram

 

Questo è il mio primo consiglio #lessicofamigliare #nataliaginzburg #iorestoacasa

Un post condiviso da paolo sorrentino (@paolosorrentino_real) in data:

Libri da leggere: Daria Bignardi

Ci ha colpito un post della giornalista e conduttrice televisiva in cui, al gatto di casa, affianca Il diavolo mi accarezza i capelli – Memorie di un criminologo del milanese Adolfo Ceretti. Ci piace. Si tratta di un’interessante immersione nelle memorie di un grande criminologo che lavora da anni a contatto con i nomi protagonisti dei più noti casi di cronaca nera del nostro passato.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Sabato sera responsabile.

Un post condiviso da Daria Bignardi (@dariabig) in data:

Libri sottolineati

Curioso profilo Instagram che illustra le pagine dei libri sottolineate. E si aprono due correnti ben distinte: chi è per il ‘giammai’ e chi si lascia intenerire dalla dolcezza delle frasi da riportare poi sul diario. Il fatto è che Libri sottolineati è seguito da ben 80mila persone e che tra i post ci ha colpito Il corpo del maestro King: Le cose più importanti sono le più difficili da dire.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

📷 Photo: @gaia_concilio 📖 [autore: Stephen King 📕 titolo del libro: Il corpo] #condividi #tagga #frasilibri #frasisottolineate #frasidamore 👀 Selected by: @oinotna_otrebor • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • ▶ Anche tu hai sottolineato un libro ? Inserisci l’hashtag 👉 #librisottolineati e 📌 taggaci. • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • 🛑 © All Rights reserved to their respective owners. • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • 📩 Collaboration: librisottolineati@gmail.com • Info: @advantonioroberto #antonioroberto • #advAR 🔝💯

Un post condiviso da lιвrι ѕoттolιneaтι ® (@librisottolineati) in data:

#Libridaleggere

Si tratta di un hashtag che vede, tra i post più popolari, il consiglio dei consigli. Un capolavoro di Oscar Wilde suggerito dal curioso profilo Letteratura in pillole: una serie di Tips da non perdere per veri amanti lettori.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

«Il corpo pecca una sola volta e supera subito il peccato, perché l’azione è un modo di purificarsi. Allora non rimane più nulla, salvo il ricordo del piacere, o il lusso di un rimpianto. L’unico modo di liberarsi di una tentazione è abbandonarvisi. Resisti, e la tua anima si ammalerà del desiderio delle cose che si è proibite, di passione per ciò che le sue stesse mostruose leggi hanno reso mostruoso e illegale. Si è detto che i grandi avvenimenti dell’umanità si sviluppano nel cervello. Ed è anche nel cervello che si verificano i grandi peccati dell’umanità. Lei, signor Gray, lei stesso durante la sua purpurea gioventù, durante la sua candida adolescenza, ha avuto passioni che l’hanno spaventata, pensieri che l’hanno riempita di terrore, sogni e fantasticherie il cui semplice ricordo dovrebbe farla arrossire di vergogna…» «Basta!» balbettò Dorian Gray, «basta! Lei mi sconvolge. Non so che cosa risponderle: c’è una risposta ma non la trovo. Non parli, mi lasci pensare. O, meglio, lasci che provi a non pensare.» Oscar Wilde, Il ritratto di Dorian Gray.

Un post condiviso da Letteratura in pillole (@letteraturainpillole_) in data:

Scopri anche:

Triennale, Decameron in streaming
Le favole della buonanotte su Facebook
#iorestoacasa, la campagna dei volti più noti