Alda_Merini

A Milano nasce l’Associazione Alda Merini

Nasce a Milano l’Associazione Culturale Alda Merini, dedicata alla poetessa dei Navigli. Un’iniziativa delle figlie della poetessa Emanuela, Flavia e Simona

Io non ho bisogno di denaro. Ho bisogno di sentimenti, di parole, di parole scelte sapientemente, di fiori detti pensieri, di rose dette presenze… Alda Merini, in questo periodo, avrebbe compiuto 88 anni (il 21 marzo, primo giorno di primavera). È una delle poetesse più amate in Italia e a lei è dedicata l’Associazione Culturale Alda Merini, appunto. Un’iniziativa – senza scopo di lucro – voluta fortemente dalle figlie Emanuela, Flavia e Simona, anche loro poetesse. Il regalo più sentito per la poetessa di cui, nel 2019, ricorrono i dieci anni dalla morte, avvenuta il primo novembre 2009.  L’Associazione Alda Meriti nata a Milano ha intenzione di “Promuovere, approfondire e diffondere la figura e l’opera” della Merini.

Non avrei potuto scrivere in quel momento nulla che riguardasse i fiori perché io stessa ero diventata un fiore, io stessa avevo un gambo e una linfa

Scopri QUI il nostro canale dedicato agli eventi culturali a Milano

Un elenco di nomi illustri nel comitato

Attorno alle tre figlie, per questa iniziativa, si riuniscono alcuni nomi a dir poco prestigiosi. Nel consiglio direttivo infatti, oltre alle eredi, socie fondatrici, anche la presidente Marina Bignotti, per molti anni collaboratrice di Vanni Scheiwiller, amica ed editor di Alda Merini, Cinzia Boschiero e Paolo Recalcati. Al consiglio si affianca poi un comitato scientifico formato anche da Ambrogio Borsani, Alberto Casiraghi, Nicola Crocetti. E poi ancora Paolo Di Stefano, Renato Minore, Vincenzo Mollica, Mauro Novelli e Luisella Veroli. In occasione del decennale della morte, l’Associazione si fa promotrice di alcune iniziative tra cui un Convegno, organizzato in collaborazione con l’Università degli Studi di Milano e dedicato all’opera e alla forte personalità di Alda Merini. Il modo più nobile per ricordare una delle poetesse più amate, amata da grandi nomi della cultura, come Quasimodo, Pasolini, Spagnoletti, Montale. E dalle nuove generazioni, ora, sempre, “nell’intimità dei misteri del mondo”.

Leggi ancora:
Maida Mercuri, la signora dei Navigli
Marinella Pirelli in mostra al Novecento