Stregate dalla grappa

L'acquavite diviene complice di bellezza, grazie a cosmetici firmati dalle Distillerie Francoli

C'è vita nell'acquavite. Che, se già in passato veniva usata come rimedio a tutti i mali, oggi ancor di più diventa alleata di beauty. In che modo? Entrando come ingrediente principale in ricette tutte da spalmare. A mettere a punto l'alchemica formula sono state le Distillerie Francoli di Ghemme (in provncia di Novara), produttrici di grappa dal 1875 e adesso pure pioniere di una novella frontiera della bellezza. "La nostra mission ha sempre avuto a che fare con il benessere", dichiara Alberto Francoli. "Dapprima grazie al massimo rispetto per l'ambiente e ora grazie a una maggior attenzione verso la persona".

TUTTO IN UN KIT - Una foglia di vite come segno distintivo, colori chiari, linee pulite e il cofanetto Acquavite & Beauty diviene un piccolo scrigno di tesori per la pelle. Cinque creme e cremine dalla morbidissima texture e dalla gradevole profumazione. Da utilizzare in cinque gesti preziosi. Ecco allora lo scrub levigante con grappa, estratto di caffè e microgranuli di noce, da sciacquare con acqua tiepida; il latte e tonico 2 in 1 con grappa, acqua di fiori di arancio e mirto, per ammorbidire e tonificare l'epidermide; la crema viso idratante a base di grappa, estratto di mela e coriandolo, da applicare al mattino; la crema viso notte, con grappa, estratto di ginseng e papavero, per la sera; e la crema contorno occhi alla grappa, kigelia africana e luppolo per uno sguardo più disteso. Un vero kit di bellezza da tenere in casa o da portarsi in viaggio. Dove trovarlo? In enoteca (a Milano, è già in vendita all'enoteca Gibson Vini di via Ristori 2) a un prezzo di 25-30 euro. Perfetto per un inedito regalo.

VIRTÙ DI VITE - Due le grappe Luigi Francoli presenti in tutti i cometici: quella di moscato, dall'aroma inconfondibile, e la Riserva 3 anni, da vinacce di nebbiolo, barbera e dolcetto, invecchiata a lungo in fusti di rovere. Perché fanno bene? Anzitutto, la bevanda spiritosa mette un po' di brio all'epidermide, nel senso che ha un'azione vasodilatatrice, permettendo un rapido assorbimento dei principi attivi e migliorando la microcircolazione dei capillari. E poi, perché la grappa invecchiata contiene polifenoli dall'alto potere antiossidante. Insomma, l'effetto antiaging è assicurato.

Correlati:

www.francoli.it