Day Spa all'Espace Vitalité Henri Chenot

Detox day in Franciacorta

All'Espace Vitalité Henri Chenot, per una giornata di depurazione e di rigenerazione

Silenzio. Acqua. E materia. In un perfetto equilibrio di forme rotonde e di linee geometriche. Di simmetrie e di asimmetrie. Di pieni e di vuoti. Di vetro che sfiora l'acciaio e di luce che permea il tutto, penetrando da un lucernario zenitale. È l'armonico gioco degli opposti a caratterizzare l'Espace Vitalité Henri Chenot, radiosa oasi wellness di 1.400 metri quadrati, disposta su due livelli e incorniciata dal parco de L'Albereta, il relais di charme che la ospita. Nella bresciana Erbusco, in Franciacorta, non lontano dal Lago d'Iseo.

Un luogo dove rigenerarsi e depurarsi, seguendo il metodo firmato da Henri Chenot, il padre della biontologia, scientifica disciplina che considera olisticamente l'uomo, nella sua continua evoluzione vitale e nel suo essere inscindibile monade di mente, fisico e spirito. Una filosofia finalizzata al recupero della salute e delle energie, grazie a programmi che vanno dai tre ai sette giorni. Ma che non escludono la possibilità di un day spa. Perfetto per un mini assaggio chenotiano e per una primavera dell'organismo (a 270 Euro a persona).

Si inzia con l'idro-aromaterapia: spumeggiante bagno-idromassaggio in vasca, in cui l'acqua, a diverse temperature (dai 36 fino ai 38 gradi), viene impreziosita da oli essenziali e da tinture madri. Necessari per drenare, espellere le tossine, stimolare la circolazione e rafforzare le naturali funzioni fisiologiche. Segue la phito-fangoterapia: sofficissimo impacco-fango (steso con un morbido pennello), arricchito da microalghe pure, da argille bianche e verdi nonché da oli essenziali. Per sciogliere stress e tensioni e per regalare alla pelle un aspetto serico e vellutato. Il bello del trattamento? È che viene effettuato su un termoattivo lettino ad acqua con cromoterapia. Per sentirsi cullati come nel grembo materno. A chiosa, doccia filiforme per rimuovere il fango.

A questo punto arriva lui: il massaggio energetico tendino-muscolare. Ovvero, il massaggio Chenot per eccellenza. Eseguito manualmente e con la complicità delle campane di vetro, che, agendo lungo i meridiani, vanno a liberare eventuali ristagni liquidi e blocchi energetici, favorendo l'eliminazione delle scorie e la rivitalizzazione dei tessuti. Da completare con un'aromatica tisana sorseggiata in tutta calma sulle ampie e comode sedute.

E una pausa golosa? Non manca di certo. Il programma contempla infatti un raffinato light lunch presso il salottiero Library Lounge. Oppure nelle intime terrazze che l'avvolgono: mini giardini pensili che volgono lo sguardo al verde. Dove assaporare, en plein air, un ottimo piatto vegetariano, a base di involtini di melanzane e ricotta, basilico, pomodorini, insalatina, peperoni scottati, patate a vapore e avocado. Ideale per proseguire in leggerezza la giornata. Che prevede pure l'accesso alla piscina, alla palestra nonché all'area umida-secca, con bagno turco, sauna e percorso Kneipp. Inoltre, chi lo desidera, può pure partecipare alle attività di yoga, pilates, idrobike e stretching. Non dimenticando di fare un'ossigenante camminata intorno al relais o lungo il "pecorso vita", che giunge sino alla maison Bellavista. Attraversando i vigneti e il magnifico Parco delle sculture di Franciacorta.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati

Correlati:

www.albereta.it/it/spa-henri-chenot