Zoostation: music in progress

Aria europea all'ora dell'aperitivo davanti alla stazione Greco-Pirelli

Un palco a fianco della stazione Greco-Pirelli dal 28 giugno al 2 luglio. Il quartiere Bicocca è moderno, in continua costruzione. L'aria, calda, che si respira ricorda quella di Berlino. Zoostation, persino il nome della manifestazione, lascia la mente a vagheggiare verso la città mitteleuropea. La strana fauna di anziani, studenti e pendolari si ferma incuriosita. Ascolta e approva oppoure fugge verso un treno in partenza.

BLUES - Al primo appuntamento, il 28 giugno, sul palco ci sono i Waiting for Memories in versione acustica: sound british accattivante e con un buon grado di orecchiabilità. Sono solo le 19.30, il sole illumina ancora l'asfalto milanese, tocca a Samuel Katarro. Il viso giovanissimo nasconde una voce capace di stordire. Il vecchio e polveroso blues del Delta è lo scheletro delle sue canzoni. La chitarra acustica disegna la melodia contrappuntata dalla telecaster o dal violino. La batteria dà corpo all'esecuzione e impreziosisce con scampanellii o maracas.

MELODIA - Il secondo giorno tocca a F Punto, un'esibizione essenziale con clatinetto e chitarra. I testi raccontano storie lontane nel tempo ma sempre attuali. Il concerto prosegue con Giuliano Dottori e le sue canzoni "per cuori infranti". Un rock sfumato, con momenti decisi, tanto che la sua lingua naturale potrebbe essere l'inglese. Terzo appuntamento con Jennifer Gentle in trio acustico, eccezionalmente alle percussioni c'è Luca Ferrari (batterista dei Verdena e amico di Marco Fasolo, leader dei JG). La performance della band trasporta negli anni '60, atmosfera beatlesiana con punte psichedeliche, suggerite dall'organo hammond e dal falsetto spudorato, e spesso urlato, di Fasolo.

CANTAUTOROCK - Il quarto giorno si inizia con Alessandro Grazian, l'aspetto tranquillo e l'accompagnamento della sola chitarra farebbero sospettare linee melodiche leggere. Invece canzoni come Ottima, Incensatevi o Diteci che siamo sani mostrano un andamento decisamente rock dai testi eleganti e cesellati a dovere. Successivamente sale sul palco The Niro. Il cantautore romano Davide Combusti accompagnato dalla sua band propone una scaletta in equilibrio tra i due album pubblicati finora. Il respiro della musica di The Niro è anglosassone, ascoltandolo difficilmente lo si assocerebbe all'Italia. Il pubblico è piuttosto numeroso e composto da fan, su Liar (primo singolo dall'album Best Wishes) anche i neofiti comprendono le potenzialità di Combusti. Altro prova di stile è la cover del brano Summertime, eseguita da Janis Joplin a Woodstock nel 1969, riproposta in versione da brividi per sola chitarra e voce.

Il pubblico muta con lo scorrere del tempo, ascolta con interesse o semplice curiosità. Risvegliare la città è possibile: l'esperimento, questa volta, sembra riuscito.