Mount Nelson Hotel by Orient-Express

Lo storico albergo di Cape Town, da oltre 100 anni icona di stile e ospitalità, si è rifatto il look

Al Mount Nelson Hotel il sense of place si sorseggia all'ora del tè. L'iconico cinque stelle di Cape Town, firmato Orient-Express, conserva l'allure di una volta negli eleganti ambienti comuni, come nella raffinata lounge, dove quotidianamente viene allestito il tè pomeridiano premiato dal Sunday Times come il Miglior Afternoon Tea al mondo. E seduti sulle preziose poltroncine color crema ci si sente un inglese alla corte della regina Elisabetta, anzi per essere precisi, a quella della regina Vittoria, che secondo la tradizione introdusse il rito del tè delle 5 nei salotti di Buckingham Palace nel lontano 1838, proprio il giorno della sua incoronazione. A dir la verità, ci si rende conto che questo luogo è speciale già di buonora, quando va in scena un breakfast “regale” ritmato da un ricco buffet con ogni sorta di leccornia dolce e salata e da un impeccabile servizio british style. Simbolo di un'accoglienza, quella che solo Orient-Express sa riservare, che racconta tanto del luogo. "Conosci il red bush?", mi chiede Gabrielle, responsabile della comunicazione dell’hotel, mentre ordina per me e gli altri commensali il tè tipico di Cape Town, a base di cannella e arancia. È cordiale e solare come tutto lo staff dell'albergo, emblema di lusso e stile, che tra gli altri vanta lo stesso guest relations manager da ben 26 anni.

NEW LOOK - In vista del 2014, con Città del Capo World Design Capital, il prestigioso albergo sudafricano si è rifatto il look. Puntando sulla ristorazione e su interventi che ne hanno rinnovato gli spazi e impreziosito l’atmosfera. Artisti e designer locali hanno ridisegnato 30 camere dell'hotel scegliendo toni chiari e brillanti, che valorizzano l'allure senza tempo dell'hotel pur enfatizzando l'aria di freschezza e novità. E se gli arredi sono stati curati dall'impresa Moorgasand Sons, le opere d'arte provengono dalla Michaelis School of Fine Arts. È stato inoltre inaugurato l'Oasis Bistro, il ristorante del pluripremiato chef Rudi Liebenberg, guidato però dal sous chef Dion Vengatass, insignito dell'Unilever Food Solutions Chef of the Year nel 2011 e per il Best Creative Canapés nel 2012. D'ispirazione mediterranea, il menu à la carte rispecchia perfettamente la sua cucina, che definisce: "Passionale, colorata, saporita e talvolta condita con un pizzico di follia". Tra le specialità, da provare in un'atmosfera informale e contemporanea, confit d'anatra, dusky kob con ratatouille, filetti di struzzo e straccetti di Karoo arrosto. Non manca una Spa Cuisine che contempla proposte a basso contenuto calorico, per chi non vuole rinunciare al gusto e restare in forma. Vanta un look "stellare" il Planet Restaurant, inaugurato da pochi anni, perfetto per cene gourmet da assaporare in occasioni speciali, immersi in un ambiente ricercato dove spiccano lampadari che evocano stelle cadenti, tappeti e tessuti ricamati che riproducono costellazioni e galassie, mosaici di Swarovski con cristalli bianchi e neri. Incantevole l'area del giardino d'inverno, ampliamento del ristorante. Da non perdere l'esperienza di una cena al tavolo dello chef. 

ICONA DI STILE - L'ultimo tassello è l'Oasis Bistro, nel 2013, ma la storia dell'hotel risale al 1899, anno dell'apertura. Sono quindi più di 100 anni che l'albergo è punto d'incontro prediletto della società bene di Città del Capo. Situato in posizione strategica, con splendida vista sulla Table Mountain, è punto di partenza ideale per raggiungere i luoghi di maggior interesse cittadini, eppure è un'incantevole oasi di pace, immerso com'è nel lussureggiante parco privato di 36mila metri quadrati. In totale, conta 198 camere e suite, rifinite e decorate con gusto, con favolosa vista panoramica e servizi personalizzati. Girovagando per l'intera proprietà, si scoprono angoli dove il tempo sembra essersi fermato, che convivono accanto ad ambienti più moderni o eleganti come il Planet Bar, perfetto per sorseggiare un cocktail all'ora dell'aperitivo o un distillato dopocena. E poi ci sono i favolosi cottage a pochi passi dall'entrata principale: eleganti villette in stile coloniale con giardino e vista su una delle due piscine attrezzate per le giornate di sole. Per rilassarsi e per la remise en forme si può prenotare un trattamento signature nella nuovissima Librisa Spa, con 8 cabine per massaggi a base di prodotti locali; un centro fitness con attrezzature di ultima generazione e uno spazio dedicato allo yoga. E poi, 2 campi da tennis e trasfer gratuito per i campi da golf di Rodebosch e Mowbray.
© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati