Monaco, tutti dicono I love you

Le novità della capitale del design e della moda, tra il Cavaliere Azzurro e la notte bianca

"Cosa colpisce di Monaco? La bellezza della città, la bontà del cibo e della birra. Per questo ci passerei volentieri qualche mese per le riprese, ci sto riflettendo davvero seriamente". Lo dice Woody Allen e come dargli torto.

Dopo Barcellona, Parigi e Roma, il regista hollywoodiano vuole celebrare, nel suo prossimo film, la capitale della Baviera. E questa non è l'unica novità di München, famosa per l'Oktoberfest ma non solo. Ci sono la moda, i musei e tante novità che ne fanno la capitale del design. Oppure le ville reali e i parchi immensi, dove tutto è così romantico. Dove Tutti dicono I love you, secondo Woody Allen.

Monaco, l'incanto dei suoi colori (© Nina Machek)

Monaco, l'incanto dei suoi colori (© Nina Machek)

MONACO, la CAPITALE DEL DESIGN

La città più importante della Germania meridionale è apprezzata non solo dai grandi registi. Vivono a Monaco i migliori esperti di design, che hanno scelto la capitale della Baviera per gli spunti culturali e per la sua posizione che permette con facilità di organizzare lo scambio con altri designer all'estero tramite voli diretti verso New York, Shanghai, Milano e molti altri creative hub.

Sempre a Monaco sorge La Neue Sammlung, il primo museo di design del mondo. Al suo interno, automobili, sedie, lampade, scarpe da running e altre pietre miliari oggetto di ricerca scientifica e di fama mondiale. Qualche nome? Alessi, Ferrari, Fiat Panda.

Dal design alla moda, fondamentale come un Match Point, direbbe Mr Allen. Le collezioni che nascono da München fanno davvero la differenza, proprio come quel punto che aggiudica la vittoria di una partita di tennis.

L'avanguardia nella creazione di cappelli, nell'arte dell'alta sartoria o dell'oreficeria fanno di questa città una delle mete artistiche più interessanti degli ultimi anni.

Monaco, Museo BMW

Monaco, Museo BMW

DAL CAVALIERE AZZURRO ALLA NOTTE BIANCA

Tante le novità custodite nei numerosi musei. A cominciare da August Macke e Franz Marc, una delle amicizie più importanti del XX secolo, oppure il coloratissimo Keith Haring, per la prima volta a Monaco, con oltre 120 opere in una rassegna interamente dedicata al genio americano.

Non manca una delle più importanti mostre del 2015 e dell'inizio 2016: Paul Klee e Wassilly Kandisky. Il Cavaliere Azzurro e il Bauhaus, l'arte astratta e un profondissimo legame, anche artistico. Da innamorarsi, letteralmente, davanti alle tele del Lenbachhaus.

Die lange nacht der musik. Non si tratta questa volta del titolo di un film ma della notte bianca della musica del 9 maggio. Concerti, cabaret e spettacoli di danza in oltre cento spazi della città e con un solo biglietto. L'evento si unisce al prestigioso Festival dell'Opera, immancabile appuntamento annuale.

Monaco, Museo Lenbachhaus

Monaco, Museo Lenbachhaus

una CITTà piena di stelle

Monaco come una costellazione. La Guida Michelin 2015 ha conferito infatti le due stelle all'Esszimmer, che diventa il terzo ristorante pluristellato della città. E per la prima volta brilla anche il N° 15 di Schwabing con il suo chef Michel Dupuis: la prestigiosa guida ha assegnato una stella alla sua reinterpretazione della cucina francese classica, originale e sopraffina.

Diventano così dodici i ristoranti stellati monacensi. Incontrerai l'uomo dei tuoi sogni, direbbe il nostro Woody Allen, e lo porterai a cena a Monaco di Baviera.

Il romanticismo di Monaco al tramonto (© Josef Jp)

Il romanticismo di Monaco al tramonto (© Josef Jp)
  • DOVE DORMIRE
    • L'Hotel Bayerischer Hof è uno degli hotel più leggendari di Monaco, nel centro della città. Elegante e contemporaneo, con un Night Club con musica jazz dal vivo, cinque ristoranti, sei bar e un teatro, attrae da sempre celebrità e capi di Stato.

  • CON CHI VOLARE
    • Air Dolomiti organizza voli diretti da e per Milano Malpensa e Bergamo Orio Al Serio, con tariffe personalizzate e assistenza garantita in tutte le fasi del volo.

Correlati:

www.muenchen.de