La Via Culinaria

Cultura, tradizioni e paesaggi del Salisburghese lungo le otto Vie del Gusto

600 anni di esperienza nell'arte birraia, oltre 200 indirizzi gourmet da non perdere e più di 100 cappelli da cuoco conferiti dalla guida Gault Millau ai migliori ristoranti. Noto per la bellezza mozzafiato dei suoi paesaggi, il Salisburghese ha tutti i numeri per essere annoverato anche tra le mete più ambite d'Europa dagli amanti della buona tavola.

La VIa DEL GUSTO per AMANTI DELLE ERBE

Percorrere le otto Vie del gusto che compongono la Via Culinaria è uno dei modi più affascinanti per scoprire la cultura, le tradizioni e i paesaggi più belli del Salisburghese. Dal 2009 questa guida, giunta oggi alla sua quarta edizione, accompagna infatti i viaggiatori alla scoperta dei prodotti e delle eccellenze gastronomiche della regione suggerendo i migliori itinerari del gusto tra produttori, malghe, rifugi e ristoranti.

Quest'anno l'offerta si è fatta ancora più ricca grazie all'introduzione della "Via del gusto per amanti delle erbe": 18 indirizzi per presentare, a buongustai e intenditori, le erbe aromatiche che crescono spontanee in questo splendido territorio. Colte tra malghe, pascoli, fattorie e monasteri, le erbe sono un ingrediente chiave della cucina locale, ed esaltano ogni piatto regalandogli un tocco inconfondibile.

Alla scoperta del Salisburghese lungo la Via Culinaria

La "Via del gusto per amanti delle erbe"

dai palati raffinati ai grandi carnivori

Tra gli itinerari più famosi spicca la "Via del gusto per palati raffinati", lungo la quale si concentra la massima densità di locali premiati dalla guida Gault Millau. Lungo le 27 tappe di questo percorso culinario, tra creatività e tradizione, i migliori cuochi salisburghesi propongono piatti tipici della regione reinterpretati.

La "Via del gusto per grandi carnivori" è dedicata invece ai sapori più decisi della tradizione montana e contadina: nei 16 indirizzi selezionati i turisti potranno assaporare deliziose ricette a base di carne come l'agnello alpino del Tennengau e il manzo del Pinzgau. Lungo la "Via del gusto per amanti del pesce", i laghi e i fiumi della regione regalano delizie come il salmerino della Bluntautal, il coregone, la trota e molti altri esemplari lacustri.

Alla scoperta del Salisburghese lungo la Via Culinaria, pesce grall

La "Via del gusto per amanti del pesce"

BIRRE ARTIGIANALI E DELIZIE DI MARZAPANE

Nella città di Mozart la cultura della birra viene coltivata ormai da secoli; creative birrerie e distillerie private fanno spesso parlare di sé con nuove e originali invenzioni e sono tutte da scoprire percorrendo le 17 tappe della "Via del gusto per bevitori di birra e grappa". Nei 16 indirizzi gastronomici selezionati della "Via del gusto per golosi di dolci", invece, gli intenditori possono perdersi tra pasticcerie e caffè dove gustare torte, pasticcini e Mozartkugel, i famosi cioccolatini al marzapane.

Alla scoperta del Salisburghese lungo la Via Culinaria, la grappa

La "Via del gusto per bevitori di birra e grappa"

PATITI DEI FORMAGGI E INNAMORATI DI RIFUGI

Nella "Via del gusto per patiti dei formaggi" i buongustai possono avvalersi della consulenza di veri "Käsesommelier" e durante la visita a malghe e caseifici rurali è possibile assaggiare fra gli altri il formaggio alla birra del Pinzgau, quello di malga del Tennengau e il formaggio al latte da fieno del Flachgau.

La "Via del gusto per innamorati di rifugi" conduce infine gli escursionisti alla scoperta delle migliori malghe situate in alta quota, dove possono concedersi una pausa golosa chiacchierando con i gestori e assaggiando specialità stagionali a base di ingredienti nostrani come formaggio di malga, pane fatto in casa e dolci appena sfornati. In inverno, con la prima neve e l'apertura degli impianti, i rifugi accolgono anche gli sciatori dopo una giornata trascorsa sulle piste.

Alla scoperta del Salisburghese lungo la Via Culinaria, il formaggio

La "Via del gusto per patiti dei formaggi"