La terra dei sensi

Cantone Vaud, un territorio da respirare, assaggiare, ascoltare, toccare e gustare. A settembre, anche a Milano

Sciare su un ghiacciaio o passeggiare in riva al lago. Gustare formaggi d'alpeggio in autunno, fonduta in inverno e il pesce in estate, affacciati su una terrazza con vista sul lago. Lasciarsi incantare dalle mille sfumature di verde dei vigneti terrazzati di Lavaux, la più grande regione viticola della Svizzera, Patrimonio Mondiale dell'UNESCO.

Sono solo alcune delle numerose esperienze che aspettano il visitatore nel Canton Vaud, situato nella parte sud-occidentale della Svizzera, il più ricco in quanto a prodotti tipici alimentari.

Lavaux, gli affascinanti vigneti del Canton Vaud

Lavaux, gli affascinanti vigneti del Canton Vaud

CANTON VAUD, TERRA DEI CINQUE SENSI

Il fascino di questa terra, che ha conquistato celebrità come Charlie Chaplin, Freddie Mercury, Audrey Hepburn e Coco Chanel, si riflette nelle acque del lago Lemano, il più grande d'Europa. Si mescola nei profumi delle sue campagne. Si respira tra le cime alpine innevate. Un fascino che, non a caso, coinvolge tutti e cinque i sensi.

A cominciare dalla tavola. Nel Canton Vaud, infatti, ce n'è per tutti i gusti: sono ben 250 i suoi produttori e 700 le specialità tipiche. Dai formaggi DOP come il Vacherin Mont d'Or, il Gruyère e l'Etivaz, a prodotti IGP come il Salsicciotto Vodese, presidio Slow Food.

Senza dimenticare l'olio di noci del Mulino di Sévery e il chantzet (sanguinaccio) e i flûtes vaudoises (grissini di pasta sfoglia). Vaud è rinomato anche per la sua produzione di vini. Oltre 4000 vigneti e otto qualità DOC fanno del vino il segreto della gioia di vivere degli abitanti del Cantone.

Le Vacherin Mont-D'Or, uno dei tre formaggi svizzeri DOP

Le Vacherin Mont-D'Or, uno dei tre formaggi svizzeri DOP

IL CANTON VAUD A EXPO MILANO, DAL 27 AL 30 SETTEMBRE

Settembre è il mese ideale per vedere, toccare, assaporare, annusare e "ascoltare" il fascino del Vaud. L'occasione per "incontrare" il Cantone proprio qui, a Milano è dal 27 al 30 settembre per esplorare Vaud con i cinque sensi a Expo Milano 2015: presso il Padiglione Svizzero.

Ascoltare le note dei concerti del famoso Montreaux Jazz Festival, assistere alla produzione artigianale del formaggio Gruyère, assaggiare alcuni prodotti tipici del Cantone. Per lasciarsi sorprendere dal percorso sensoriale dedicato al Vaud, è sufficiente presentarsi al Padiglione Svizzero, nei giorni dedicati a questo territorio, così pieno di colori.

IL GUSTO DEL DESIGN. IL FASCINO Di VAUD ALL'ISTITUTO SVIZZERO

Il gusto di Vaud è anche quello del design. Lo dimostra un'edizione speciale di Les Espaces du Design, selezione annuale di design svizzero, ora all'Istituto Svizzero di Milano fino al 30 settembre.

In allestimento, prodotti industriali, prototipi, packaging e grafica, che stupiranno per bellezza e funzionalità, caratterizzati tutti dall'estetica elvetica, rinomata per le sue linee pulite ed essenziali. Il gusto del design è in mostra tutti i giorni a ingresso libero.

Stir It, Caraffa - Anna Blattert per Postfossil

Stir It, Caraffa - Anna Blattert per Postfossil

In tutte le cose della natura esiste qualcosa di meraviglioso, sosteneva Aristotele. Impossibile contraddirlo una volta scoperti i colori del Canton Vaud. Una meraviglia a misura d'uomo. Che sfocia anche nel design.

Correlati:

www.vaudexpo2015.ch
SCRIVI & VINCI CON LA COMPETITION
10 ingressi a Expo 2015
Descrizione: La bellezza del Canton Vaud ha attratto molte celebrità, da Charlie Chaplin a Freddie Mercury, da Audrey Hepburn a Coco Chanel. Scriveteci quale grande personaggio della storia, dello spettacolo o della cultura invitereste a cena con voi e in quale posto specifico di Vaud. Tra i vigneti simbolo del Cantone o immersi nella foresta del Risoud, una delle più antiche d'Europa? Tra le sue cime ad alta quota, a tremila metri, o lungo il lago Lemano? Trovate il vostro posto ideale: 5 ingressi per 2 persone a Expo Milano 2015 alle risposte più curiose.

I biglietti sono ritirabili dal 20 al 27 settembre presso la mostra Il gusto del design all'Istituto Svizzero e permettono, inoltre, il ritiro di un regalo presso il Padiglione Svizzero durante i 4 giorni del Cantone Vaud in Expo (27 - 30 settembre).
Scadenza: 17/09/2015 alle 23.59
Visualizza tutte le Competition
COMPETITION SCADUTA
Presenti 33 commenti.
Juliette Binoche
Di Giovanni postato il 17/09/2015 17:23:57
Siamo quasi coetanei, mi aiuterebbe con il mio Francese tutt'altro che perfetto... e poi penso sia l'emblema della donna europea... appena sopra le Alpi.
Il MONDO dalla SVIZZERA a 3210 metri
Di Ilaria postato il 16/09/2015 13:22:09
Di rientro da un bellissimo week end sulle montagne svizzere di sicuro porterei Reinhold Messner,una personalità importante per chi adora l'alpinismo come me.Lo inviterei sulla vetta di Les Diablerets a 3210m,il punto più elevato del Canton Vaud,a gustarci le prelibatezze svizzere in una calda baita
A tutto rock
Di Gabriella postato il 16/09/2015 12:39:45
Già mi vedo..in riva al lago di Lemano, un telo per terra, un cestino pieno di formaggi locali da assaggiare con dell'ottimo pane ai cereali, due bicchieri di vino Chasselas e Lui, il grande Luciano Ligabue che con solo voce e chitarra, accompagna la nostra degustazione svizzera...
Walt Whitman
Di Walt Whitman postato il 16/09/2015 11:08:01
Porterei l'affascinante poeta statunitense Walt Whitman, autore di un capolavoro di rara bellezza: Foglie d'Erba. Lo porterei con me a cena in una sala del Castello di Chillon, sulla riva del Lago di Ginevra, un posto così maestoso che di sicuro incanterebbe ogni poeta. Oh Capitano! Mio Capitano!
D'Annunzio
Di paola postato il 15/09/2015 22:15:52
Recentemente sono stata al Vittoriale, dimora sul lago di Garda dove D'annunzio ha trascorso gli ultimi anni della sua vita....Penso avrebbe apprezzato anche una dimora affacciata sullo splendido lago Lemano !
Castello di Chillon
Di paolo postato il 15/09/2015 10:31:13
Cosa c'è di più romantico di un castello posato su una roccia direttamente sulle placide acque del lago di Ginevra? Cenerei nella grande sala delle cerimonie per impressionare lei, la grande Marilyn, raccontando di grandi battaglie, amori infelici, oscure presenze...
UN BUONGUSTAIO
Di paola postato il 15/09/2015 06:54:53
Inviterei sicuramente il grande musicista Rossini, noto amante della buona tavola, e già mi vedo a degustare gli ottimi formaggi svizzeri stracremosi seduti ad un tavolino circondato dai vigneti carichi di grappoli succulenti, ascoltando dell'ottima musica jazz
....altro che colazione da Tiffany!
Di maurizio toneguzzo postato il 14/09/2015 22:16:55
Adoro l'attrice Audrey Hepburn e la inviterei a cena in una romantica location all'aperto, immersi nel meraviglioso scenario del Vaud: un tavolino rotondo tra i vigneti stracarichi di grappoli maturi, inondati dalla calda luce autunnale e dal profumo inebriante degli acini... che brindisi!
jazz in salsa rock
Di maria marcassoli postato il 14/09/2015 22:04:27
Il mio ospite speciale sarebbe Freddy Mercury, mitico e compianto cantante dei Queen: lo inviterei a salire sul palco in occasione del festival di Montreaux per una versione jazz di "Crazy little thing called love"...... bello, no?
Claude Monet
Di Luca postato il 14/09/2015 17:30:59
Inviterei senza dubbio l'impressionista Monet per una cena sulle rive dello stupendo lago di Lemano. Non solo un invito a cena, ma anche un invito a scoprire la meraviglia del paesaggio, con il desiderio di vederlo ritratto in una delle sue opere in cui l'emozione di un istante può diventare eterna.
alessandro manzoni
Di cinzia postato il 14/09/2015 16:45:33
Caro, carissimo Alessandro, ti invito il mese prossimo ad un tour del Risoud, come saprai è una fantastica ed immensa foresta, vorrei visitarla con te, viverla e respirarla con te, perchè solo tu ed altri pochi al mondo, sapresti narrarla e descriverla in modo superbo! A presto
Freddie
Di giorgio postato il 14/09/2015 16:19:16
Se la bellezza del luogo potesse riportare in vita Freddie Mercury allora andrei ad abitarci per sempre ed organizzerei un concerto in alta quota,poi,insieme a Freddie,andrei a mangiare in un bel ristorante lungo il lago di Lemano scambiando,da vecchio musicista,idee e progetti per il futuro.
Spettacolare!
Di Mario postato il 14/09/2015 10:07:39
Location spettacolare e molto romantica il Canton Vaud...spero di esserci!
viandante sul mare di nebbia
Di Sara postato il 12/09/2015 19:35:54
Andrei alla creux de van con Caspar van Friedrich l'autore di "Viandante sul mare di nebbia", in un giorno nebbioso sembra proprio di essere in quel quadro.
Tavella
Di Alessandra postato il 12/09/2015 08:39:03
Vevey è un posto tranquillo per 360 giorni all' anno. negli altri 5, è un meraviglioso circo delle meraviglie a cielo aperto, durante il festival degli artisti di strada. Colori, acrobati, luci...ci andrei volentieri con Hemingway, secondo me ci divertiamo, in questa festa mobile!
Un'ambientazione insolita...
Di Emanuele postato il 11/09/2015 20:46:31
Meryl Streep. Oltre per l'enorme bravura come attrice, la ammiro molto anche per il suo lato più personale, come una persona tra tante...e sarebbe interessante incontrarla. E in ambientazione unica direi...le Grotte di Vallorbe. Strano per una cena, ma decisamente caratteristico...
Antonio di Borgogna
Di Marina postato il 10/09/2015 13:21:39
Inviterei il Conte de la Roche a raggiungermi per cena, offrendogli il meglio del Lago di Lemano e gli lascerei raccontare i suoi viaggi nell'Europa del primo Rinascimento, tra ricchezze favolose, personaggi che hanno costruito il nostro continente, le sue facezie, i segreti delle corti...
A Forest
Di Paolo postato il 10/09/2015 13:01:48
Non una cena, ma un dejeuner sur l'herbe, tra i folti alberi della foresta di Risoud, intenti ad ascoltare il canto della Natura, senza dove necessariamente parlare. Un ringraziamento a Robert Smith dei Cure, per avermi fatto discernere, imberbe quindicenne, la via maestra a ciò che oggi sono.
Principessa Sissi
Di Gianpiero postato il 08/09/2015 21:59:10
Un'escursione tra Rochers-de-Naye, Caux, Bex ed Avants insieme ad Elisabetta Amalia Eugenia di Wittelsbach, Imperatrice d’Austria e Regina d’Ungheria, più conosciuta come Principessa Sissi, per poter ammirare gli splendidi paesaggi alpini che tanto amava. Come si può dar torto ad una principessa?
sogno svizzero
Di Mariarosaria Rotelli postato il 08/09/2015 17:50:06
Per una location così bella e romantica quale il Canton Vaud ho bisogno di una persona degna di cotanta bellezza per cui la mia scelta è caduta sull'irresistibile, sexy e affascinate Tom Cruise. La nostra cena nella foresta del Risoud sarebbe un incanto nell'incanto e la mia " mission impossible"
La dive per eccellenza
Di Claudio postato il 08/09/2015 16:19:28
Inviterei senza dubbio Marilyn Monroe sulle rive del lago Lemano... mi accontenterei di ammirarla in silenzio tutto il giorno, attonito come un genitore che guarda il figlio appena nato...
Arwen, elfo di bosco atro
Di Andrea postato il 08/09/2015 10:31:00
L'atmosfera che si respira nella foresta di Risoud farebbe sentire a casa sua un elfo di Bosco Atro, della saga del Signore degli anelli. Quindi perchè non una cena in quel bosco magico con Arwen (Liv Tyler)?!
Io e Veronelli
Di DANIELA postato il 07/09/2015 21:15:10
In compagnia di questo grande conoscitore di vini visiterei le migliori cantine e mi lascerei guidare dai suoi consigli per gustarli, infine lo inviterei a cena a Morges sulle rive del lago Lemano per una serata all'insegna del buono cibo accompagnato da vini più indicati .. prosit !!
oriana fallacci
Di nekko postato il 07/09/2015 15:11:20
Abituta al buon vino toscano la inviterei e le chiederei ....come andrà a finire? e lei probabilmente mi risponderà esattamente come dissi tanti anni fa. Una lenta ed innesorabile invasione
Benjamin Franklin
Di cristian postato il 07/09/2015 15:04:27
Chiedi consiglio al vino, ma poi togliti ogni dubbio con l’acqua disse in una sua pubblicazione. Ripercorrerei i vigneti del Canton Vaud insieme a lui...cercando una risposta ai miei quesiti in buona compagnia e sorseggiando del buon vino.
Avventura con Bear Grylls
Di avventuriera postato il 07/09/2015 12:52:42
Un'escursione tra le Alpi bernesi in compagnia di Bear Grylls e una telecamera per una puntata di Metropolis - L'ultimo sopravvissuto! tanto spirito di avventura e di sopravvivenza, voglia di rischiare quanto basta, niente cibo: solo quello che la natura ci offrirà! e il Canton Vaud non deluderà!
Van Gogh
Di Anna postato il 07/09/2015 12:04:39
Due bici, io e Van Gogh per una passeggiata tra i vigneti partendo da Rolle e proseguendo per Bursins, passando per Tartegnin, Bugnaux e Aubonne fermandosi qua e là per uno schizzo da trasformare in una fantastica tela sotto la guida del maestro. E regalarsi alla fine un buon bicchiere di vino!
Tra i ghiacci de Les Diablerets
Di Aldeide postato il 06/09/2015 10:06:11
Per amor della montagna farei volentieri un pic-nic, più che una cena, sui 3000m de Les Diablerets con un grande nome dell'alpinismo come Walter Bonatti... quante cose avrei da chiedergli..
Cena indimenticabile sul lago..
Di Francesca postato il 05/09/2015 17:27:05
Sicuramente inviterei Alessandro Manzoni sul Lago Lemano, grande, bello, unico, indimenticabile, pulito, curato, alternativo. Fin da Ginevra e su ambedue le coste offre panorami indimenticabili e scorci meravigliosi. Chiederei allo scrittore una seconda versione dei Promessi Sposi..
Paesaggi e poesia
Di Monica postato il 05/09/2015 14:25:37
Inviterei a cena, sulle rive del lago Lemano, la poetessa Alda Merini per ascoltare le infinite sfumature del suo vasto, tormentato alfabeto interiore e respirare insieme le vertigini emozionali di quei luoghi.
Ligabue
Di Dome postato il 04/09/2015 22:30:31
Inviterei Ligabue (il pittore) per riportarlo alle sue origini e cercare di capire da lui dove traeva l'ispirazione.
Charles Baudelaire
Di YO postato il 04/09/2015 12:13:37
La sete orribile che mi divora la spegne il vino diceva in una sua Ode al Vino, per cui lascerei trasportare da lunghe passeggiate nei vigneti insieme a lui per poi degustare appassionatamente del buon vino. So già che apprezzerebbe! ;)
inviterei Dante
Di SIMA postato il 03/09/2015 01:41:35
Inviterei Dante e lo porterei in una vigna per degustare un buon vino e chiedergli un paragone con i vini toscani.