Incredibile Göteborg

Verde ed economica, la seconda città di Svezia è la nuova mecca culturale e gastronomica del Paese

Giovanile, cosmopolita, divertente, accogliente. Ma anche “a portata di tutti”, tanto che nel 2013 la Lonely Planet l'ha scelta tra le mete di viaggio più convenienti, a fianco di città come Rio de Janeiro e Paesi come la Slovenia e la Cambogia. Seconda città della Svezia dopo Stoccolma, Göteborg è una delle hot destination per un long weekend di mezza estate o d'inizio autunno, quando inizia la pesca dell'astice, anche per il clima inaspettatamente mite, tenendo conto delle sue latitudini (basti pensare che anche d'inverno la temperatura non scende mai sotto i 10 °C, ndr). Verde, verdissima, è disegnata da parchi immensi dove gli svedesi amano trascorrere il tempo libero dedicandosi alle più svariate attività, o anche solo rilassarsi durante una pausa dal lavoro. Non solo. Porta d’accesso alle regioni del West Sweden (Bohuslän, Dalsland e Västergötland), l'incantevole cittadina fondata nel 1621 alla foce del fiume Göta, che l'attraversa formando l'isola di Hisingen, è affacciata sul Mare del Nord, generoso benefattore delle prelibatezze (astici, ostriche e altri crostacei e frutti di mare tra i migliori al mondo) divenute squisiti ingredienti di una cucina di qualità, variegata, creativa e innovativa, che include cinque ristoranti stellati. E che l'ha resa una delle food destination più stimolanti del Nord Europa.

UN MONDO DI GUSTO – Astici, granchi, ostriche. Se la lenta maturazione nelle acque fredde al largo di Göteborg dà vita a prelibati crostacei e frutti di mare dal gusto insuperabile, è anche vero che gli chef cittadini hanno saputo sublimarne il sapore in modo eccelso. Basti pensare che dei cuochi incoronati Chef dell'Anno in Svezia, ben otto sono originari di qui. È uno dei motivi per cui in tema di food la città è sempre più apprezzata a livello internazionale, senza dimenticare che in città ben 5 ristoranti vantano una stella Michelin. La migliore zuppa di scampi è quella preparata dallo chef Leif Mannma, da Sjömagasinet. In lista figurano anche BhogaThörnströms Kök; 28+, orchestrato da chef Hans Borén, che fonde sapori svedesi e gusto francese. A deliziare i palati all'SK Mat & Manniskon è Stefan Karlsson, già nominato Chef svedese dell'anno, ristorante informale come una casa ma di grande atmosfera: serve il meglio di carne e pesce locali, con verdure stagionali dell'orto, il tutto presentato con ricercata mise en place e servizio impeccabile. Tra i ristoranti di pesce da tenere a mente, per gli amanti delle ostriche il primo è senza dubbio il piccolo ristorante Gabriel gestito da Johan Malm, istrionico esperto e campione di apertura del pregiato frutto di mare, situato all'interno del leggendario mercato del pesce Feskekörka, considerato un “tempio” per gli amanti del genere. Non solo pesce, ma tutto il meglio delle specialità e dei prodotti locali si acquistano negli spazi di Stora Saluhallen, in Kungstorget, il più grande mercato coperto della città. Aperto nel 1889, conta oltre 40 banchi e gastronomie, ed è molto frequentato all'ora di pranzo e il sabato. Da provare Koka, dove gli chef Johan Bjorkman e Jonas Larsson combinano magistralmente piatti della tradizione internazionale e specialità svedesi. Stilosa brasserie in stile moderno è Familjen, mentre gli amanti della birra invece non possono perdere il ristorante Swedish Taste, premiato come birreria dell'anno di Göteborg, che offre una vasta scelta di selezionate bionde prodotte nei piccoli birrifici artigianali disseminati nei Paesi nordici. Abbinate, ça va sans dire, a gustosissimi piatti a base di frutti di mare. Da segnalare anche il ristorante del design hotel Avalon, ideale per la pausa pranzo, con proposte di cucina svedese casalinga che cambiano ogni giorno. In Magasinsgatan 26, una delle aree trendy della città, offre tre proposte per il lunch Sandberg|Månsson, dove si gustano piatti tipici a base di ingredienti a chilometro zero. 

IL MEGLIO DELLA CITTÀ - Voglia di shopping? Dedicate un po' di tempo a gironzolare per le vie del centro, tra Vallgatan, Magasinsgatan e Södra Larmgatan, colme di botteghe di artisti indipendenti e giovani designer che vendono capi di abbigliamento, sculture, mobili e articoli d'arredamento. È qui che si può sorseggiare un ottimo caffè Da Matteo, sotto il Victoria Passagen o in una delle caffetterie tipiche, nel segno della migliore tradizione locale, chiamata fika, irrinunciabile consuetudine per i cittadini. L'area più suggestiva è però lo storico quartiere Haga, così vivace con i tanti negozietti di antiquariato e i piccoli ristorantini dove consumare un'insalata di gamberetti o qualcosa di veloce. Se scegliete di visitare la città d'estate, segnate in agenda che dal 12 al 17 agosto va in scena il Festival della Cultura, una festa gratuita che invade la città trasformandola in palcoscenico di concerti, spettacoli di danza, teatrali e di artisti di strada e altro ancora. La sede dell'orchestra sinfonica di Göteborg è invece la Sala Concerti, leggendaria per l'acustica eccellente, ospitata in un edificio in stile Liberty in piazza Götaplatsen, sede anche del Teatro comunale e del Museo d'Arte. È apprezzato per l’acustica perfetta anche il Teatro dell'Opera, che vanta un archivio di 15 tonnellate di spartiti musicali. Esposizioni di arte contemporanea, con approfondimenti su musica, danza e cinema del mondo sono poi allestite nel Museo della Cultura Mondiale, accanto al Museo delle Scienze Universeum. Ma Göteborg è anche sede dell'unico museo svedese interamente dedicato al design e all'arte applicata, il Museo Röhsska, da visitare insieme allo straordinario Museo d'Arte Göteborgs Konstmuseum, per la pregevole collezioni d'arte scandinava che custodisce nelle sue sale. E poi c'è il Museo Navale Maritiman, il più grande museo galleggiante del mondo.

A PORTATA DI TASCA - Nel 2013, si diceva, la Lonely Planet l'ha segnalate tra le città appetibili in più convenienti per chi decide di regalarsi un weekend oltre i confini nazionali. Tra le esperienze low cost, spiccano iniziative come la “Gastronomia Michelin a prezzi accessibili”. Vale a dire? Chi desidera provare un ristorante stellato senza spendere molto, può cogliere al volo le offerte del mezzogiorno: da Fond www.fondrestaurang.com/cachad, per esempio, il giovedì e il venerdì, il pranzo costa 15 euro. Senza dimenticare i numerosi bistrot dove assaporare ottima cucina a prezzi contenuti, come quelli concentrati lungo le vie Linnégatan e Andra Långgatan. Il venerdì sera, invece, ci si riversa nei tanti locali per l’afterwork, ossia l'happy hour, da gustare in un'atmosfera gioviale e frizzante. È inoltre imperdibile un'escursione nell'arcipelago meridionale di Göteborg, che costa solo 2,60 Euro: il prezzo del biglietto di trasporto pubblico inclusivo di tram e traghetti, lo stesso che permette anche di raggiungere isole come Donsö, Brännö e Styrsö. Con sole 10 Euro si ha invece accesso al più grande parco dei divertimenti della Scandinavia che nel mese di dicembre intrattiene grandi e piccini con un vasto mercatino natalizio illuminato da 5 milioni di luminarie.

LA CITTÀ IN MANO - Il modo migliore per muoversi e visitare la città è munirsi della Göteborg City Card, a scelta da 24, 48 o 72 ore, che comprende l'uso dei trasporti pubblici, ingressi gratuiti alle principali attrazioni, musei, visite guidate e sightseeing, oltre a sconti nei negozi e parcheggio gratuito in città. Tra i tanti, anche l'accesso alla prima Ruota panoramica cittadina del Nord Europa: alta 60 metri e composta da 42 gondole, vicino al Teatro dell'Opera. E tra i parchi di divertimento Liseberg, la principale attrazione turistica della Svezia, che attira più di tre milioni di visitatori ogni anno. È inclusa nella City Card anche il Gothenburg Botanical Garden, il giardino botanico, distribuito su un’area di circa 174 ettari, in gran parte riserva naturale, diviso tra ampi prati verdi, radure e foreste per passeggiate e picnic. Il giardino vero e proprio occupa quasi 16 ettari, con circa 16.000 piante e cultivar. Premiato dalla Guida verde Michelin, il giardino di rocce ha ricevuto 3 stelle ed è il fiore all’occhiello del giardino botanico. È strutturato per aree di origine delle piante (America, Europa e Asia) e contiene circa 6.000 esemplari, compresi un giardino in stile giapponese, una “valle dei rododendri”, un giardino di erbe officinali, un arboreto e serre. Il “polmone verde” della città è però il Parco Slottsskogen, nella zona sudoccidentale, che si estende con i suoi 13.700 metri quadrati di bosco, con cervi selvatici e allocchi, protetto dal 1874. Per una passeggiata o anche un'escursione in kayak immersi nella natura, si può visitare la riserva naturale di Delsjön, a est della città diviso tra il Grande e il Piccolo lago, boschi, foreste e sentieri pianeggianti.