In pista... a Winterthur

Tour in bici nella cittadina svizzera, tra musei, natura e arte

A pochi chilometri da Zurigo, nel cuore dell'omonimo cantone, c'è un luogo dove sport, natura e cultura si incontrano. È Winterthur, una tranquilla cittadina a misura d'uomo, attraversata da una fitta rete di piste ciclabili e immersa nel verde di rigogliosi vigneti.

IN SELLA, SI PARTE! - Il modo migliore per apprezzare Winterthur è in sella a una bicicletta. Pedalando, dal centro si raggiunge facilmente Am Römerholz, l'elegante villa del mecenate illuminato Oskar Reinhart. Figlio di ricchi imprenditori, ma interessato più alla pittura che al commercio, a metà del secolo scorso ha collezionato capolavori di grandi artisti europei, dal Quattrocento al primo Novecento, per poi disporli nelle sale seguendo originali assonanze cromatiche e iconografiche. Dopo quest'immersione tra Goya, Rubens e Renoir, è d'obbligo una pausa a Bäumli, per un piacevole pic-nic con vista panoramica sul monte Säntis e sulla catena delle Alpi Glaronesi. 

MUSEI PER TUTTI - Nel pomeriggio, si riparte per una tappa al Swiss Science Center Technorama, dotato di numerose postazioni interattive che permettono di esplorare e capire i fenomeni fisici e naturali attraverso test di abilità e giochi educativi. E mentre i bimbi si perdono curiosando tra magneti e sensori, anche per gli adulti il tempo sembra volare. Per capire il funzionamento di camera oscura, diaframma e tempi di posa ci sono invece i workshop e i laboratori del Museo di fotografia, sede di interessanti mostre temporanee.

(ENO)GASTRONOMIA - E per rifocillarsi dopo la pedalata? Nel centrale Casinotheater si gusta un ottimo vitello alla zurighese con rösti di patate ed è possibile assistere a spettacoli di cabaret, mentre nel suggestivo Schloss Wülflingen si cena tra antiche stufe in maiolica e trofei di caccia. 
Costruito nel XVII secolo, l'edificio conserva ancora il fascino di un tempo ed è il posto ideale per assaggiare saporiti piatti di carne, accompagnati dall'ottimo vino prodotto con l'uva dei vigneti del Goldenberg.


    © Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati