Imprendibile Tokyo

I ritmi incalzanti della capitale giapponese, tra shopping, musei e vita notturna

Sterminata. Frenetica. All'avanguardia. L'aspetto che al primo impatto più colpisce di Tokyo è la sua energia. Ma non desta di certo meno stupore sapere che a muoversi in un enorme alveare di grattacieli e sopraelevate intasate dal traffico, sono oltre dodici milioni di abitanti (secondo un rapporto urbanistico dell'ONU è il più grande agglomerato urbano del mondo), se si include la periferia. A temperare i ritmi incalzanti della vita della capitale del Giappone è però la calma zen, retaggio di antiche tradizioni. Da riscoprire girando per Chyoda ku, il centro storico. Lasciando un po' di tempo per lo shopping e la visita di musei come il Museo Nazionale, il più grande del Giappone.

SHOPPING
- Di tutto, di più. Tokyo è sicuramente una delle capitali mondiali dello shopping. C'è la moda, con le griffe più prestigiose al mondo. C'è la tecnologia, naturalmente. Ci sono gli store disegnati dalle archistar internazionali: il più celebrato shopping mall è Matsuya Ginza, che vende originalissimi articoli di design. E non mancano all'appello le gallerie con il meglio dell’arte contemporanea, a costi ragionevoli tra l'altro. Tra i tanti indirizzi, Matsataka Hayakawa e Taguchi Fine Art. Moltissimi anche i mercatini vintage in centro, allestiti alcune domeniche del mese. Come l'Oedo Antique Market o il Nogi Strine, nel quartiere Nogizaka.

MUSEI
- Non poteva mancare la tradizione. Ma ci sono anche l'arte contemporanea, il cinema, la musica. E anche qualche stranezza. A cominciare dal Ghibli, con le riproduzioni dei mondi del maestro Hayao Miyazaki, visionario autore di pellicole d'animazione. Per gli appassionati dell'arte dei giorni nostri, la scelta non può che cadere sul Mori Art Museum, sede di mostre temporanee di arte contemporanea, con tanto di vista sulla Tokyo Tower e sul Rainbow Bridge, oppure sull'Hara Museum of Contemporary Art, in un edificio di matrice Bauhaus.

LOCALI NOTTURNI
- Ce ne sono per tutti i gusti. Del resto, nella capitale giapponese sembra che tutto sia possibile. Non lontano dalla stazione di Shibuya, esiste addirittura un'intera via, Nonbeiyokocho, segnata da un'incalzante susseguirsi di piccoli locali dove possono sedersi al massimo una decina di persone. Tra questi, il Tight, dal look futuristico, e il Shisui, frequentato soprattutto per il salottino vip. Cambiando zona, a Minato-Ku, si può trascorrere la serata nel sofisticato Le Baron, versione nipponica dell'omonimo locale parigino. La versione giapponese delle tapas spagnole si trova da Ofuro, a Setagaya-ku: si beve sake e intanto si sgranocchia appetizer. Il quartiere della nightlife giovanile per eccellenza è Shibuya, sede anche del Coins Bar: musica e cibo, armonioso connubio di tradizionale e occidentale, sono ottimi. Segno che il Vecchio Continente non è poi così lontano.
  • DA SAPERE

  • FUSO
  • + 8 ore rispetto all'Italia.

  • DOCUMENTI
  • Passaporto con almeno tre mesi di validità.

  • QUANDO ANDARE
  • Tutto l'anno.

  • DOVE MANGIARE
  • Fujimanas
  • Cucina fusion asiatico-latina, ambiente minimal ma accogliente.
  • Koya 
  • Menu giapponese e cinese molto variegato, dai noddles alle ostriche fritte.
  • Ippudo 
  • Ramen tra i migliori in città.
  • DOVE DORMIRE
  • Hotel Seiyo Ginza 
  • 77 camere e servizio impeccabile.
  • Claska 
  • Atmosfera semplice e sofisticata. Solo nove stanze.
  • Ginza Yoshimizu 
  • Tatami e futon come nella migliore tradizione.

  • CON CHI VOLARE
  • Si raggiunge Tokyo da Milano-Malpensa, tra gli altri, con Alitalia, Air France, KLM e Lufthansa.