Avventura in Alaska

Febbre dell’oro nel Far West artico

Foreste incontaminate, imponenti ghiacciai, vasti altopiani e immense valli fluviali. Gli sconfinati paesaggi dell’Alaska si possono visitare seguendo la rotta degli antichi cercatori d’oro che nell’Ottocento affrontavano questi luoghi ostili in cerca del prezioso minerale.

E il periodo migliore è proprio quello estivo, più precisamente da giugno ad agosto, quando le giornate sono molto lunghe e le temperature oscillano tra i 15 e i 21°C, e quindi sono abbastanza miti. È allora che si svela in tutto il suo splendore il Glacier Bay National Park, terra attraversata da ben 16 fiumi glaciali, disegnata da foreste di abeti, fiordi scoscesi e iceberg di ogni forma e dimensione. Sono abitati da delfini, balene, foche, lontre marine, orsi bruni e orsi neri, lupi, alci e oltre 200 specie di uccelli. La popolazione s’incontra invece a Skagway, villaggio fondato nel 1897 proprio dai cercatori d’oro; a Whitehouse e Dawson City, città che hanno conservato il tipico stile western, o ancora ad Anchorage, moderna e animata cittadina con ampie vie consacrate allo shopping, tappa obbligata per qualsiasi viaggio in Alaska.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati