Trisha Brown Dance Company

Trilogia jazz dell'astrattismo danzante su musiche sperimentali

TRILOGIA JAZZ - Inizia con Set e Reset, la prima della Trisha Brown Dance Company al Teatro degli Arcimboldi. Su musiche di Laurie Andreson, la prima coreografia è quella che ha reso celebre Trisha Brown come leader dell'astrattismo danzante. Un imprevedibile stile geometrico ingloba i movimenti fluidi in una rigorosa struttura scenica. Visibile ed invisibile si intrecciano nelle trasparenze degli scarni costumi di Robert Rauschenberg. Dalla riorganizzazione del tempo si salta a Present Tense sulle musiche sperimentali di John Cage. L'estetica eterea si unisce qui alla narrazione emotiva, dando luogo a incontri-scontri tra i ballerini. A chiudere lo spettacolo è Grove and Countermove sulle note più discorsive di Dave Douglas. Questa è l'ultima opera della trilogia jazz di Trisha Brown che rivela frenerica energia.

TRISHA BROWN - Signora della postmodern dance ha creato uno stile personale che unisce rigore e velocità. Trisha Brown rappresenta l'anima vera dei movimenti artistici nati negli Stati Uniti tra gli anni '60 e '70, con la volontà di creare un nuovo linguaggio coreografico contrapposto alle stilizzazioni del balletto classico e moderno. In questo periodo la voglia di sperimentare spinge i coreografi ad esplorare luoghi alternativi al teatro e conduce Trisha Brown a "sfidare la forza di gravità", con coreografie "aeree", nelle quali i ballerini camminano in perpendicolare lungo i muri dei palazzi o sopra i tetti degli edifici di New York, alterando la prospettiva degli spettatori. Alla fine degli anni Settanta, Trisha Brown si riappropria degli spazi teatrali tradizionali, ed inizia a creare eleganti coreografie astratte. La sua opera non si può riassumere in una tecnica sola.