Questioni di feeling... al Manzoni

Commedie, musical e confession-play dal 10 ottobre per la nuova stagione

DA HOLLYWOOD ALLA LETTERATURA - Il Teatro Manzoni apre la stagione teatrale 2006/2007 il 10 ottobre con un classico statunitense: Indovina chi viene a cena? (fino al 5 novembre) è una commedia molto divertente che ci aiuta a riflettere sui problemi razziali. Chi non ricorda sul grande schermo la versione interpretata dalla coppia Tracy-Hepburn? Come reagireste se vostra figlia vi portasse a cena un fidanzato di colore? Lo scoprirete con questo spettacolo, interpretato da Gianfranco D’Angelo e Ivana Monti, diretti da Patrick Rossi Gastaldi. Il sogno del principe di Salina: l’ultimo Gattopardo (dal 7 novembre al 3 dicembre) è un affresco intenso su un briciolo di storia siciliana che sembra ancora attuale. Scritto da Andrea Battistini, lo spettacolo è liberamente ispirato agli appunti e alle lettere di Giuseppe Tomasi di Lampedusa e riporta in scena un attore e regista molto apprezzato dal pubblico del teatro di Manzoni: Luca Barbareschi.

TRA MUSICA E COMMEDIA - A questo punto non è sbagliata la scelta di un personaggio sbarazzino ed effervescente come Loretta Goggi che, diretta dal marito Gianni Brezza, torna sul palcoscenico del Manzoni con Se stasera sono qui (dal 5 dicembre al 7 gennaio 2007). La Goggi ci terrà compagnia per tutte le festività natalizie con orchestra dal vivo e dieci ballerini. Il suo talento non è una novità e le sue performance sono ancora apprezzate. Gigi Proietti apre l’anno nuovo in veste di regista di due spettacoli. Il primo è La Presidentessa di Charles-Maurice Hennequin e Pierre Veber (dal 9 gennaio al 4 febbraio 2007), che vede come protagonisti una strania coppia: Maurizio Micheli e Sabrina Ferilli. Lui è versatile, lei procace e affascinante per una commedia brillante giocata tutta sugli equivoci con un sottile sottotesto di critica sociale. Il secondo titolo è Quella del piano di sopra di Pierre Chesnot (dall'11 aprile al 6 maggio 2007), interpretata da Pino Quartullo e Sandra Collodel, in piena sintonia con la migliore tradizione del boulévard francese.

CONFESSION-PLAY - Dalle falde partenopee arriva Vincenzo Salemme, con il suo buonismo e il suo sarcasmo, autore teatrale svezzato da Eduardo De Filippo. Bello di papà (dal 6 febbraio al 4 marzo 2007) è una commedia che mette in scena genitori che non sono veri genitori e figli che non sono veri figli, un tema molto caro a tutta la tradizione partenopea.  Cristina Comencini si sposta in veste di autrice e regista dalla macchina da presa al palcoscenico con Due partite (dal 6 marzo al 1 aprile 2007), una sorta di confession-play dove quattro donne, durante una partita a carte, si lasciano andare tra speranze, illusioni, stralci di vita. Il cast è davvero intrigante perché mette assieme Margherita Buy, Isabella Ferrari, Marina Massironi e Valeria Milillo. La chiusura della stagione è affidata a Giuseppe Pambieri e Lia Tanzi, protagonisti di La commedia degli errori di William Shakespeare (dall'8 maggio al 3 giugno 2007), un bel testo del teatro elisabettiano che mette in risalto anche il tagliente humor anglosassone.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati