Il futuro è al Teatro Litta

La nuova stagione inizia all'insegna di sguardi verso nuove prospettive

FESTEGGIARE IL FUTURO - La programmazione del Teatro Litta è sempre stata all'avanguardia e anche la stagione 2006/2007 non mancherà di stupirci. Il Litta ha deciso di dare spazio ai giovani, invitando diverse compagnie i cui componenti sono under 30, "perchè bisogna festeggiare il futuro". Infatti il Teatro Litta prorprio quest'anno compie trent'anni di attività, e ha deciso, come afferma Gaetano Callegaro, "che non bisogna guardare al passato, ma aprire la strada ai giovani, offrendogli possibilità concrete per esprimere la loro creatività". Il progetto Solaris di Antonio Syxty mira proprio a questo: un'esperienza nuova, particolare e seducente in tre momenti (Preludio, Visioni parte I, Visioni parte II ), un percorso teatrale in grado di rilevare e riutilizzare i feedback degli spettatori. Il teatro evoca immagini e parole, identità e storie che appartengono all'esperienza collettiva di attori e spettatori. Gli appuntamenti sono dal 9 Gennaio al 7 Febbraio nella sala Teatro Litta, mentre dal 5 al 16 Giugno e dal 18 Giugno al 2 Luglio 2007 Visioni di Solaris sarà uno spettacolo itinerante tra gli spazi di Palazzo Litta.

IL TEATRO E' UN BENE PREZIOSO - La sala Teatro Litta ospiterà il meglio del teatro contemporaneo italiano ed estero. Spicca La nave fantasma, premio Gassman 2005 come miglior testo italiano; ispirato alla tragedia accaduta la notte di natale del 1996 al largo delle coste siciliane, in cui morirono 283 immigrati dimenticata dai media. Lo spettacolo si pone come sintesi drammatica della vasta problematica connessa al tema dell'immigrazione. In scena dal 7 al 12 Novembre alle ore 22. Passando a note più dolci: Pasticceri, io e mio fratello Roberto, spettacolo molto particolare in cui gli attori cucineranno sul palco. Al termine gli spettatori saranno invitati a mangiare le prelibatezze cucinate. La pasticceria sarà aperta dal 19 al 31 Dicembre dalle ore 20.30. Tornando ad un'atmosfera più consona per il teatro dal 20 Febbraio al 4 Marzo 2007 il testo presentato dalla Compagnia laboratorio di Pontedera, Aspettando Godot , si atterrà all'originale di Beckett. Si aprirà un mondo nuovo in cui vivono antiche domande a cui lo spettacolo prova a dare possibili risposte, anche se non c'è una vera possibilità di riscattarsi dall'assurdità della vita.

IL LITTA RADDOPPIA - Tra le tante novità, il 2006 vede l'apertura di una nuova sala con programmazione stabile: La cavellerizza. La particolarità di questa sala è che gli spettacoli cominciano alle ore 22.00; l'idea è quella di offrire agli spettatori più notturni una possibilità per avvicinarsi al teatro. La sala ospiterà una selezione di pièce innovative come la riscrittura del MacBeth ( dal 27 Ottobre al 5 Novembre ) da parte della compagnia AstorriTintinelli che lo trasforma in Mac & Beth. Due persone che gestiscono un club, il Club Series, dove ogni sera va "in scena" la loro storia; un dramma shakespeariano sconosciuto agli avventori del club. L'ambiente improprio crea lo sfondo perfetto per far riaffiorare sul palco una sorta di privacy condivisa, ed è la stessa Beth a crearlo. Sempre con la compagnia AstorriTintinelli il Litta si avventura nella Ballata di Woizzecco, rilettuira del Woyzeck di Georg Buchner, in scena dall'8 al 16 Novembre. Il testo di Georges Perec L'arte e la maniera di abbordare il proprio capoufficio per chiedergli un aumento è una pièce ironica che gioca con la casistica della richiesta di un aumento, esaurendo matematicamente le probabilità di successo in cui si espongono le varianti e si tentano divertenti soluzioni.  Le istruzioni per l'uso sono disponbili dal 15 al 25 Febbraio 2007.