Ennio Marchetto, emozioni di carta

Il trasformista veneziano incanta il pubblico giocando con il mondo della musica

Genuino e spensierato. A qualcuno piace carta, performance del mimo-trasformista Ennio Marchetto, è tornato a Milano al Teatro Nuovo raccogliendo calorosi e sinceri applausi.

DA "A" DI ARISA A "Z" DI ZERO - Un one man show ricco di musica, adatto ad un pubblico variegato, in cui il sorridente attore veneziano ha sciorinato in ottanta minuti altrettante maschere. Dalla Carrà, a Liza Minnelli, passando per Tina Turner e Renato Zero. Fino ai nuovi volti del panorama artistico italiano: mettendo su un carrello della spesa una minuta Giusy Ferreri; evidenziando le forme e le buffe movenze di Arisa; accentuando il divismo di Marco Mengoni. Magiche metamorfosi, frutto di un approfondito studio e di minuziose progettazioni. Moderni origami, che rielaborano le forme, trasformando la pancia di un lottatore di sumo in una gonna da ballerina di can-can o il corpo di Lady Gaga in una bambola gonfiabile.

STAR INTERNAZIONALE - Dopo aver conquistato i critici più severi al Fringe Festival di Edimburgo, una delle kermesse più prestigiose del teatro classico e di strada, Ennio Marchetto è oggi uno degli artisti più richiesti in Europa e negli Stati Uniti. In quasi quindici anni di carriera ha calcato importanti palcoscenici, portando la sua creatività a Londra, Parigi, Berlino, New York, Los Angeles e San Francisco, solo per citarne alcuni.

Correlati:

www.enniomarchetto.com