Cirque Éloize

Dal Québec agli Arcimboldi, il fascino di "iD". Le acrobazie e l'adrenalina dell'arte circense tra breakdance e urban bike

Éloize è una parola originaria dell'arcipelago dal nome Îles-de-la-Madelein in Québec, la terra da cui provengono i fondatori del Cirque, e significa Lampi di caldo all'orizzonte. Un'immagine suggestiva che ha ispirato il Cirque Éloize, appunto, compagnia acrobatica che non ha nulla da invidiare ai cugini del Cirque su Soleil, anche loro canadesi. Il calore e l'energia, l'equilibrio e la forza. Con la fusione di questi quattro elementi, gli acrobati e performer di iD (questo il nome dello spettacolo in scena agli Arcimboldi fino al 12 gennaio) rinnovano l'arte circense contemporanea, non solo acrobatica, sfiorando la perfezione. Oppure toccandola con una mano, quando sono sospesi, in equilibrio, in un punto lontanissimo rispetto al palcoscenico.

Il Cirque Éloize propone due ore di coloratissime performance cariche di adrenalina e suggestione. Un uragano di discipline diverse che s'incontrano e lasciano lo spettatore senza fiato, mentre quei corpi agili si esibiscono leggiadri, in armonia, con un ritmo incalzante, sospesi tra la forza e l'eleganza di chi è sul palco e l'incredulità di chi è seduto in poltrona. A questo, il Cirque Éloize mixa l'energia della breakdance, dell'urban bike e dell'hip hop. Il prestigioso Teatro degli Arcimboldi si trasforma in uno scenario metropolitano dove un gioco di luci e di immagini onnipresenti rievoca la realtà del fumetto, quasi del film di fantascienza. La musica rock si alterna a quella più dolce e poetica per accompagnare una salita di un corpo fluttuante tra le stelle. E poi, la musica, quasi scompare perché coperta dai numerosi e fortissimi applausi a scena aperta. Da non perdere.