Scintille da un sax

Bill Evans e la sua band stupiscono il Blue Note

Fa scintille il sax tra le mani di Bill Evans nella notte del Blue Note.
Omonimo dello storico Bill Evans pianista, ha una fluidità eccezionale e una capacità interpretativa rara. Del resto, a detta di Miles Davis è stato uno dei più grandi musicisti con cui abbia suonato, quando lo scelse nel 1980 a soli 22 anni.
E di strada Bill ne ha fatta tanta, affiancando John McLaughlin, Herbie Hancock, Lee Ritenour.

Solista, compositore ed arrangiatore ha dato vita ad uno dei più innovativi tentativi di mischiare Jazz e Hip-Hop.
Stravagante e di notevole bravura la sua band: Vincent Valentino alla chitarra, Riccardo Fierabracci al basso, Joel Rosenblatt alla batteria e Christian Howes al violino, tra jazz, blues, country.

Molto d'effetto i brani in cui Bill passa dal sax tenore al soprano, emulando perfettamente la voce alta del violino, e dialogando con esso.
E al termine del primo spettacolo, sorpresa! Usciti dal Blue Note, scorgiamo Howes che improvvisa con il trio di scena al Nord Est Cafè...that's incredible!