Milano Jazzin' Festival

L'Arena Civica si trasforma in cittadella del jazz dal 7 al 26 luglio con tanti ospiti: da Patti Smith a Sarah Jane Morris

Jazz a 360 gradi dal 7 al 26 luglio all' Arena Civica di Milano con ospiti italiani e stranieri: da Enrico Rava a Patti Smith.

MILANO JAZZIN' FESTIVAL - Il jazz non va in vacanza. Nonostante le location milanesi predilette come il Blue Note abbiamo chiuso per la pausa estiva, si trova sempre un'alternativa in città per ascoltare questo tipo di musica. Lo spazio dell'Arena Civica torna ad essere protagonista con il Milano Jazzin' Festival: sedici giorni di grande musica sotto il cielo estivo, dove il jazz si allunga toccando funk, soul, bossa e blues. "Tenevamo molto a questa iniziativa – spiega l'Assessore Giovanni Terzi – L'Arena civica deve tornare ad essere spazio di concerti e spettacoli, come accadeva dieci anni fa. Purtroppo, col tempo questa tendenza è andata sfumando”.

DA RAVA A PATTI SMITH - La kermesse si apre con due fuori classe del jazz made in Italy: Stefano Di Battista e Enrico Rava (7 luglio), dove il sax del primo incontra l'esperienza trentennale di un grande jazzman italiano con confronti ed espressioni musicali che emozioneranno il pubblico dell'Arena Civica. Contaminazioni senza confini con la prima performance italiana di Taj Mahal (9 luglio) e Mike Manieri con i suoi Steps Ahead occupa il palco per la serata del 10 luglio.  Dal New Mexico arriva Raul Midon (12 luglio), una miscela esplosiva di soul, r&b, pop, folk, jazz e latino, che con la sua chitarrista acustica propaga delicate improvvisazioni jazzate. Dopo i Campbell Brothers (13 luglio) e Cesaria Evora (14 luglio), è l'ora della poetessa del rock Patti Smith (16 luglio). La grinta e la rabbia si avvolgono nella sua musica, che la Lady della new wave saprà trasmettere al pubblico chissà in quale versione: da oscura sacerdotessa o passionale politica?

DA TAYLOR A MORRIS - Acid e funk sul tappeto del "jazz revisited" saltano fuori con l'esuberante James Taylor Quartet (18 luglio), dove l'organo Hammond richiama il suo fascino e la rilettura di celebri brani acquista una naturale spontaneità. Nessuno ha mai dimenticato la rivisitazione in chiave "hammondistica" del main theme di Starsky and Hutch, sigla dell'omonimo telefilm. Sarah Jane Morris (19 luglio) non ha bisogno di esibire il suo bigliettino da visita. L'ex corista dei Communards di Sommerville continua ad essere un'artista poliedrica, con un temperamento che sa dosare pop, jazz e blues. Dal Brasile dei Forro in the Dark (20 luglio) e dal British sound della Cinematic Orchestra (21 luglio), si passa al suono global brasileiro con base olandese dei Zuco 103 (23 luglio), senza dimenticare gli ultimi tre appuntamenti:il sax creatico di Courtney Pine (24 luglio), le songs del Mali di Rokia Traorè (25 luglio) e il soul minimale dei Dining Rooms (26 luglio).

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati