Laura Pausini, uno show spettacolare

Il debutto dell'Inedito World Tour al Forum. Ed è subito festa

"Grazie per essere qui, grazie per avermi aspettata e non avermi tradito". Così Laura Pausini ristabilisce un contatto dal vivo con i suoi fan, per il debutto dell'Inedito World Tour al Forum di Assago, il 22 dicembre. Un concerto che arriva dopo due anni di assenza dalle scene e che la cantante dedica a una sua fan che non c'è più, Yara Gambirasio (la ragazzina di Brembate di Sopra rapita e uccisa lo scorso anno, ndr).

UNO SHOW MONDIALE - Un vero e proprio show in confezione ragalo, tra luci cangianti, strass, paillettes e scenografie spettacolari con richiami ai rinascimentali colonnati del Bernini. La Pausini si comporta da navigata popstar internazionale: canta, balla e cambia l'abito ad ogni set. Un look firmato Roberto Cavalli e una messinscena da milioni di Euro. Apre il concerto in una mise dorata, sulle note di Benvenuto e Io Canto. La sua voce grintosa fa da cornice alle coreografie di un corpo di ballo che anima intere parti del live. Poi procede con i brani tratti dall'ultimo album. Canta Troppo tempo e ringrazia Ivano Fossati, autore del pezzo. Il Forum si trasforma in una discoteca, tra colorate intermittenze luminose e canzoni arrangiate in chiave dance, con tanto di dj set.

INTIMA E ROCK - Non mancano atmosfere più intime e introspettive. Nel set acustico con il nuovo chitarrista Marco Oliva la cantante propone grandi hit come Emergenza d'amore e pezzi che definisce "speciali": Tu non lasciarmi mai, Strani amori e La solitudine - brano che coinvolge definitivamente il pubblico. Altro giro, altra mise: si presenta sul palco con una chitarra bianca per intonare il brano rock Inedito, tra frange e lustrini. E ancora, Primavera in anticipo, Come se non fosse stato mai amore e dedica ai fan Le cose che non mi aspetto. Conclude il live in un tripudio d'argento, con emozionanti interpretazioni: Gente, Vivimi, Tra te e il mare. Canta sospesa E invece no, con tanto di strascico luminoso. Svanisce magicamente nella scenografia alle sue spalle. E, come una luna piena, si allontana nel firmamento delle popstar.