Login | Registrati

Ben Harper E Robert Plant, Magnificat Musicale Sotto Le Stelle.

L'Arena Civica Ha Ospitato Il Concerto Spirituale Di Questo Milano Jazzin' Festival

Foto Ben Harper e Robert Plant Magnificat musicale sotto le stelle
Il Milano Jazzin’ Festival si è trasformato in un raduno musicale, di quelli della vecchia guardia americana: ci capitavi per caso, ti sedevi sull’erba, sorseggiavi una birra e poi da lontano capivi chi ci fosse sul palco. C’era ancora il sole quando sul palco dell’Arena Civica di Milano è salito Robert Plant: niente rimpianti per l’ex icona dei Led Zeppelin e chi è venuto con la nostalgia appesa al collo sapeva che non avrebbe ritrovato il favoloso e irripetibile passato.

NASHVILLE - Plant ha riscaldato l’atmosfera con lapilli di blues, rock, folk in poco più di un’ora di live session, coinvolgendo tutto il pubblico: altro che Milano, sembrava di essere finiti a Nashville, in compagnia di tanti ragazzotti che i Led Zeppelin li avevano conosciuti attraverso i dischi impolverati di mamma e papà. Un sold out prevedibile, una scaletta vintage per tutti i gusti: in fila come soldatini c’erano anche What is and What Should Never Be, Down to the Sea, Monkey e la fantastica Ramble On.

FITTE SPIRITUALI - La giostra ha smesso di girare appena è spuntata la luna. In jeans e t-shirt bianca è arrivato Ben Harper,il song-writer americano che ha trasformato l’arena nella culla della musica meticcia. Una lunga ninna nanna, sofisticata, emozionante, intensa, che ci ha fatti tornare agli albori accarezzati da blues, reggae, folk e il rock, quello che ha rivestito l’ultimo album. “Sono il musicista più fortunato al mondo perché voi siete ancora tutti qui”, ha sussurrato Harper dal suo microfono. Fitte sentimentali in Masterpiece, tuffi emotivi in Diamonds on the inside, legamenti in controluce in With My Own Two Hands, silenzi spirituali in Where I Could Go. La platea meneghina è rimasta estasiata per tutta l'esibizione, perchè questo Magnificat spirituale ce lo porteremo dietro per tanto tempo ancora. Milano deve molto all'impegno di Live Nation Italia, perchè dietro un concerto emozionante c'è anche il lavoro di un management. E certe volte questo può fare la differenza.


Di Rosario Pipolo
pubblicato giovedì 21 luglio 2011
Testata Giornalistica Online
Registrazione al Tribunale di Milano n. 414 del 20/12/2013
Direttore Responsabile Elisabetta Canoro
Copyright 2014 Milanodabere Srl | CF/P.IVA 08239100962
Ti piace Milanodabere.it?Clicca su Mi piace!