Brunch 'n' Jazz

Quando il sabato incontra meraviglie da sentire, vedere e gustare

Ricetta: prendere qualche nota, solleticare l'appetito con prelibatezze della tradizione e aggiungere un pizzico di charme. Mescolare il tutto e assaporare con calma. Risultato? Un sabato mezzogiorno unico e straordinario come quello proposto dall'Osteria Artidoro, piccola oasi milanese di vero buongusto che per anticipare la domenica in modo festoso ha ideato un appuntamento unico e imperdibile. Brunch 'n' Jazz altro non è che un pranzo servito al tavolo ma con tanto di cornice musicale d'eccezione. Il clarinetto di Paolo Tomelleri duetta mirabilmente con le tastiere di Rossano Sportiello (nelle giornate dell'8 aprile e 6 maggio) e con quelle di Paolo Alderighi (il 13 maggio), ripercorrendo l'epopea del jazz in un ideale itinerario che va dalle origini a New Orleans, fino ai primi del Novecento. Ecco allora riapparire Nick La Rocca, Clarence Williams, Duke Ellington e George Gershwin, per giungere ai ruggenti anni Venti e Trenta di Chicago in cui furoreggiavano Louis Armstrong, Earl Hines e Johnny Dodds e approdare al candido swing di Benny Goodman e Glenn Miller.

A impreziosire gli spettacoli c'è la mostra fotografica Jazz Perspectives, realizzata con immagini della Pim, Associazione Poesia Immagine & Musica nonché curata da Alessandro Luigi Perna e Pino Ninfa. Scatti emozionanti di alcuni dei più importanti fotografi di jazz in Italia come Alvaro Peloni, Umberto Germinale, Enrico Stefanelli, Mario Sabbatani, Pietro Bandini e Paolo Lessi.  Bianchi e neri, primi piani e gesti vibranti immortalati per sempre e regalati a nuovi occhi curiosi. Un'esposizione suddivisa in due parti: dal 1 aprile al 5 maggio e dal 6 al 30 maggio. Con la possibilità di acquistare le immagini.

E mentre ci si lascia piacevolmente coccolare dal sound, a tavola arrivano piatti deliziosi e invitanti. Sono le proposte dello chef Giorgio Broggini e del suo staff: ricette tipiche emiliane accuratamente rivisitate da un tocco di creatività. Materie prime di ottima qualità e selezione maniacale di prodotti e fornitori assicurano al palato ghiottonerie da gourmet. E per il Brunch 'n' Jazz (a partire dalle 12.30), il ristorante propone un menu speciale a 20 euro, con un primo da scegliere fra tortelli di erbette della tradizione parmigiana, tortelli di zucca e pisarei e fasò, e un secondo tra tagliata di angus argentino all'olio di frantoio, filetto di cernia in crosta di patate e marmellata di cipolle e filetti di maialino al balsamico con puntarelle. Coperto, acqua, caffè e un bicchiere di vino del giorno sono compresi. Ma nessuno vieta di optare per qualche altra pietanza à la carte. Visto che sono eccellenze tutte da provare.