Intervista a Deep Down and Dirty Party

Simon Baker & Simon Morell, re della nightclubbing inglese, svelano i segreti del party più cool di Londra

Fanno capolino dall'oblò del Sottomarino Giallo a Milano City, Simon Baker & Simon Morell. Arrivano da Leeds e sono le menti pensanti della serata più trendy della capitale inglese, il DDD party (Deep Down and Dirty). Simon Baker suona da più 15 anni ed è soprattutto conosciuto per la sua brillante carriera da prolifico produttore e proprietario della Infant Records. Scopriamo il loro "segreto" per una serata di successo...

Ci descrivereste come si svolge la vostra perfomrance durante il Deep Down and Dirty Party?
Simon Baker "Generalmente facciamo in modo che ogni parte della serata sia calda. Si inizia intorno ai 121 bpm (battiti per minuto, ndr) per salire nel corso della notte. Io dico che suoniamo un total mix musicale, di tutto, deep house, house, tech house e techno will."

Perchè avete scelto questo nome?
Simon Morell "Ho dato il nome all'originale Deep Down and Dirty Party dopo aver sentito un Lp stereo di MC's Record che si chiama così; sembrava che si addicesse proprio a ciò che facevamo a quei tempi, deep underground electronic music. Negli ultimi anni molti hanno provato a copiare quello che facciamo, così abbiamo avvertito il bisogno di cambiare un po', per mantenere le cose fresche e movimentate. Molte persone che vengono al party lo chiamano abbreviandolo DDD, quindi abbiamo pensato di cambiarlo."

Com'è la nightclubbing a Londra?
SM "La clubbing sta vivendo ora un bel momento divertente e ci sono grandi eventi. Vedrai che il prossimo anno ci saranno ancor più party in oscuri luoghi di ritrovo. E' come tornare alla vecchia scuola!"

Che "odore" hanno le notti londinesi?
SB "Ah, ah, dopo il decreto anti fumo di giugno alcuni degli odori non sono così carini, come puoi immaginare! C'è puzza! 700 persone in un piccolo posto non possono avere un buon odore sebbene il dopobarba di Mr Morell sembri portarli in una baia!"

Cosa considerate trendy nella musica e nel modo di vivere?
SM "Noi proviamo a non suonare solo "trendy" music. Penso che ognuno di noi ha un suo stile e non ricerchiamo un suono "fashionable", ecco perchè siamo da così tanti anni nelle scene."
SB "Lavoriamo da molti anni e abbiamo sperimentato tutti i generi "trendy", nel tempo. Bisogna essere consapevoli di quello che c'è attorno, ma fermi sul prorpio stile. E' molto importante."

Qual è la differenza fra il modo di divertirsi in Italia e in Inghilterra?
SB "Penso siano molto simili, ma in Inghilterra le persone sembrano stare nei club più a lungo. Arrivano prima e sembra che vi debbano rimanere finchè vivono... anche fino alla mezzanotte del giorno dopo! Un esempio è il Fabric di Londra, dove il party va avanti fino all'ora di pranzo della domenica. Forse questo accade pure in Italia, ma credo che voi sappiate quando ne avete abbastanza. Oppure mi sbaglio?!"

C'è qualche Dj italiano che vi piace molto?
SM "Marco Carola è stupendo, non fallisce mai. L'abbiamo visto al Circo Loco ed è stato il massimo di quei dj set per noi."

Dopo quanto detto dai due Dj è il caso di dire "W il sapone e i deodoranti... anche nel Deep Down and Dirty Party!". Perchè l'odore del vicino fa sempre diventare più "verde"!