Intervista a Daniele Silvestri

Monetine: viaggio nella stile e nelle canzoni del cantautore romano tra inediti e successi

Daniele Silvestri è un artista che ha deciso di non fermarsi su un genere musicale, ma di "giocare con le cose che mi appassionano". Il cantautore romano, che l'anno scorso ha letteralmente sbancato col singolo La Paranza, torna con Monetine (Sony/BMG), il racconto in due cd di quattordici anni nella musica.

Hai scelto come singolo una canzone, "Monetine", che tratta il tema del gioco d'azzardo, come mai?
"Mi sembra attuale nella situazione in cui ci troviamo, in cui è la furbizia il valore vincente. Il gioco d'azzardo è un mondo a sé, con le sue dimensioni morbose, che riesce persino ad affascinarti, ma in un modo perverso. Lotterie, slot machines e scommesse creano dipendenza, sono droga di Stato; la responsabilità è delle istituzioni però non se ne sente parlare mai e il nuovo testo della canzone si riferisce proprio a questo".

Sei canzoni appaiono in una nuova versione, una decisione insolita per un best of...
"Volevo che questa raccolta non fosse solo un impacchettare le canzoni. Le reinterpretazioni nascono dall'esigenza di correggere degli errori, sostituire qualcosa che non mi piaceva più, che non sentivo più mio. Alcune canzoni sono cambiate col tempo, è cambiato il mio modo di vederle, d'altronde la scelta degli accostamenti non è per niente casuale, mostra un piccolo spaccato di questi anni, di tutto quello che è successo e di come mi ha influenzato".

"Monetine" non è il classico best of, e nemmeno tu sei un artista convenzionale. Ti sei allineato alla tendenza generale del mercato discografico, o c'è un'altra ragione per questo lavoro?
"Credo che fosse il momento giusto, molte persone si stupiscono nello scoprire la mia produzione degli anni'90, la mia visibilità mediatica è recente. Dopo le ultime partecipazioni a Sanremo con Salirò e La Paranza, la sensazione era di aver fatto solo quello, sentivo il bisogno di farmi conoscere maggiormente dal pubblico. Monetine può essere un riassunto di ciò che ho fatto, che mi porta ad aprire un nuovo inizio, magari totalmente diverso".

Nella versione deluxe dell'album è presente anche un dvd, quali sono i contenuti?
"Il dvd raccoglie tutti i miei video, è un percorso parallelo a quello dei due cd e mostra visibilmente quanto il mondo sia cambiato. Nei contenuti extra è presente anche del materiale che i fan hanno messo su YouTube, rifacimenti di video, riprese di concerti, anche questo fa parte del mondo che cambia".
 
Viene spontaneo chiederti se ti trovi a tuo agio con questi cambiamenti...
"Sono attratto dall'immediatezza di Internet, la diffusione più ampia della musica e lo scambio interattivo sono mezzi dirompenti e affascinanti. Però sento la mancanza di un luogo fisico, il supporto esiste ancora, ma non ha più significato se non esiste un luogo concreto dove andare e ritrovarsi".

La musica come racconto di un mondo in continua evoluzione, è questo l'insegnamento di Daniele Silvestri, cantautore che è riuscito a farsi apprezzare dal pubblico senza mai rinunciare alla propria espressività.

Correlati:

www.danielesilvestri.it