Intervista a Blondelle

Giovani, carini e molto occupati... La band che sta spopolando nei Club britannici

Si può, a soli diciannove anni, essere già ai vertici delle classifiche musicali del Regno Unito? Loro sembrano avercela fatta! I Blondelle arrivano da Londra e nascono dall'incontro rocambolesco di Will Cameron e Sam Stewart (figlio di Dave Stewart degli Eurythmics). Dicono che la band è una buona scusa per non cercare un vero lavoro, ma in realtà hanno dovuto lavorare molto perchè sono velocemente diventati una delle band più attive e impegnate nello show business inglese. Col loro primo album Die Pretty son già passati per l'Italia al Plastic di Milano. Faccine brit  e pulite, ecco qualche curiosità su di loro.

Sappiamo che la storia di come si è formata la vostra band è piuttosto curiosa. Ce la raccontereste?
"Ci incontrammo originariamente quando il cantante principale Will stava cercando di entrare nel giardino di Sam, il chitarrista. L’“intruso” presto divenne il migliore amico di Sam e i due iniziarono a jammare insieme nel 2002. Così, sembrò naturale dare vita ad una band. C’era solo un problema… dove trovare gli altri membri? Si aggiunse quindi il cugino di Sam, Rory, al basso. L’ultimo pezzo del puzzle era trovare un batterista, ma fu facile perché, tre giorni prima che si aggiungesse Rory, avevamo trovato Michael attraverso un annuncio sull’NME. I Blondelle erano nati!"

Seppur molto giovani, siete già una delle band più impegnate del giro musicale britannico… Come passate solitamente le vostre giornate?
"Ci piace scrivere canzoni, provare il più possibile e sperimentare video fatti da noi stessi. Abbiamo anche una vita sociale attiva! E amiamo andare ai concerti."

Come definireste il "gusto" della vostra musica?
"Potremmo descriverlo come un’esplosione nella bocca!"

Cosa consigliate ai giovani gruppi che vogliono fare della musica il proprio lavoro?
"La cosa più importante è di esercitarsi molto e di entrare in un buonissimo contatto con il proprio strumento. La seconda cosa è di riporre tutto il tempo necessario nell’imparare la struttura delle canzoni e nello scriverle."

Non vi sentite troppo giovani per il successo che vi è capitato?
"Ci sentiamo solo all'inizio e speriamo di avere una lunga carriera, quindi abbiamo molto ancora da imparare..."

Siamo in tempi in cui tutto è conoscibile tramite Internet. Il Web ha avuto qualche ruolo nel portarvi ad un successo così precoce?
"Sicuramente utilizzare Myspace aiuta le band a venire conosciute. Ogni "esposizione" sul Web può aiutare e noi cerchiamo di utilizzarlo al meglio."

Correlati:

www.blondelle.co.uk