Tavole Deluxe

Toccata e fuga in Svizzera, per gustare le deliziose cene Sapori Ticino

Uno più uno non fa due. Di più. Succede in Svizzera in occasione di S. Pelligrino Sapori Ticino, kermesse gastronomica durante la quale una rosa di chef elvetici ospita nelle proprie cucine attenti maître cuisinier dando vita a indimenticabili piatti preparati a quattro mani. Giunta all'ottava edizione, il tema di quest'anno è "i grandi chef d'hotel" e per l'occasione tra Lugano, Locarno e Ascona sono attesi otto executive tutti provenienti dagli Swiss Deluxe Hotels, un brand sinonimo di eccellenza ed assoluta eleganza. A dare il via alle culinarie danze è lo stellato Andrea Bertarini, il 7 aprile, che nell'intima sala del ristorante Conca Bella, a Vacallo, ospita dalla Svizzera francese Pierre Crépaud, cuoco avanguardista de LeMontblanc.

TOCCHI MEDITERRANEI - A Lugano, negli spazi di Villa Principe Leopoldo, Dario Ranza duetta con Roland Schmid. Perfezionista della  selezione degli ingredienti, usa preferibilmente sale "white gold" per condire il suoi piatti, giusto per fare un esempio. Allo Swiss Diamond, a Vico di Morcote, vista lago e monti, Egidio Iadonisi serve la cena ideata con Andrea Migliaccio, stellato dall'anima fortemente mediterranea. Il quarto appuntamento è in programma ad Ascona, in uno degli alberghi più cool della manifestazione: l'Eden Roc. Nella città del jazz, Salvatore Frequente dà appuntamento al tedesco Heiko Nieder, bistellato del The Restaurant di Zurigo, guru delle textures e delle temperature.

ARTE E GUSTI ESOTICI
- Se non ci fossero piatti e posate potrebbe sembrare una galleria d'arte. È l'affascinante ristorante Arté di Lugano, dove l'occidente è pronto a incontrare l'oriente. Qui infatti, il tedesco Frank Oerthle, unico stellato della città, si confronta con Sandeep Bhagwat, chef indiano del prestigioso Mandarin Oriental di Ginevra, che propone una lettura ultramoderna della cucina esotica, ricca di piatti vegetariani. Al Castello del Sole di Ascona, Othmar Schlegel attende il cuoco di origini vallesi Edgard Bovier, cuoco de La Table d'Edgard a Losanna, esperto di cucina della Francia del sud, riproposta in versione magra e leggera. Giunge invece dalla capitale Gregor Zimmermann, anima de La Terrasse di Berna, che al Grand Hotel Eden raggiunge Antonio Fallini.

SAPORI ELVETICI - Ad Alessandro Fumagalli, il compito di chiudere il festival insieme a Laurent Eperon del Pavillon, uno dei luoghi più trendy di Zurigo. Apprezzato per il suo contemporary fine dining dal tocco informale, Laurant è un neostellato sempre attento alla ricerca dei prodotti locali. Nel menu del suo ristorante, ad esempio, propone tre piatti a base di vitello svizzero: lo stinco stracotto con pepe nero selvatico del Madagascar; le animelle con tartufo nero; e il filetto con crema di funghi e rösti.
  • CALENDARIO

  • lunedì 7 aprile: Andrea Bertarini e Pierre Crépaud - Ristorante Conca Bella
  • domenica 13 aprile: Dario Ranza e Roland Schmid - Villa Principe Leopoldo
  • lunedì 14 aprile: Egidio Iadonisi e Andrea Migliaccio - Swiss Diamond Hotel
  • domenica 27 aprile: Salvatore Frequente e Heiko Nieder - Hotel Eden Roc
  • lunedì 28 aprile: Frank Oerthle e Sandeep Bhagwat - Ristorante Arté
  • domenica 4 maggio: Othmar Schlegel e Edgard Bovier - Castello del Sole
  • lunedì 5 maggio: Antonio Fallini e Gregor Zimmermann - Villa Orsellina
  • giovedì 8 maggio: Alessandro Fumagalli e Laurent Eperon - Grand Hotel Eden

  • PREZZI
  • Il costo delle singole cene vino incluso è 270 Franchi Svizzeri (220 Euro circa)

Correlati:

www.saporiticino.com/