Il Salone del Gusto

È l'agorà del sapore dove artigiani, grandi chef e neofiti si incontrano. A Torino, dal 21 al 25 ottobre

Un piatto, un formaggio, un frutto non sono soltanto "qualcosa da mangiare". Sono cultura, arte, storia da preservare e tramandare. Lo sa bene l'associazione internazionale Slow Food, promotrice del Salone del Gusto e sostenitrice di tre fondamentali valori: buono, pulito e giusto. Il Salone, evento a cadenza biennale, giunto all'ottava edizione, è una manifestazione molto particolare, che unisce in un unico palco tutti gli attori della scena enogastronomica italiana e internazionale, dal piccolo produttore agricolo al grande chef. In programma degustazioni, proiezioni, incontri, tavole rotonde, oltre alla presentazione di 22 nuovi Presìdi italiani e 30 internazioni. Qualche esempio? Si potrà conoscere il Biscotto di Ceglie (Puglia), il Salsicciotto frentano (Abruzzo), e il Sedano rosso di Orbassano (Piemomete). E dal mondo: la patata cornetto di Bamberga (Germania), i fagioli marroni dell'isola di Öland (Svezia), il gelso del Pamir (Tajikistan) e la pecora degli Zulu (Sudafrica).

Il Salone del Gusto è al Lingotto Fiere di Torino. Orari: da giovedì 21 a domenica 24, dalle 11 alle 23; lunedì 25: dalle 11 alle 20. Ingresso: Euro 20.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati

Correlati:

www.salonedelgusto.it/