Tu quale prendi?

Da Vaniglia, il gelato ha un gusto in più. E anche il ghiacciolo

Ognuno ha la sua passione. Da coltivare e da amare. Quella per il gelato è la vocazione di Massimo Langella, gelatiere da più di venti anni e da due propritario di Vaniglia, gelateria in zona Sempione, che gestisce insieme alla moglie Francesca. "Dagli anni '80 ad oggi il modo di rapportarsi al gelato è decisamente cambiato" ci racconta Massimo "c'è stata una fase in cui l'apparenza era più importante del contenuto, adesso - finalmente! - il cliente è molto più attento alla qualità del prodotto".

UNO A ME - Un ambiente sincero e pulito, dove dal lungo e trasparente bancone, brillano freddissime e coloratissime tentazioni, da gustare tutto l'anno. Circa venti i gusti del gelato, semplici ma selezionati, tra frutta secca e frutta fresca, dal pistacchio alla nocciola, dal variegato all'amarena fino alla loro specialità, la vaniglia, morbida e vellutata da provare in purezza (coni a partire da 2 euro). Ma questo è solo l'inizio. Ecco ancora le granite alla mandorla, all'anguria, al mango, al melone o alla menta (cono piccolo 2 euro, grande 3 euro); e poi i ghiaccioli, con i due nuovi gusti, cioccolato e Batida de coco (2 euro).

UNO A TE - Ma qui il gelato non è solo da passeggio. Infatti, oltre alle vaschette, può essere acquistato come cadeau in diverse forme. In bicchierni monoporzione, sono disponibili i "dopo cena", sorbetti alla frutta e alla crema che reinterpretano i classici della pasticceria (2,20 euro cadauno). Qualche esempio? Gelato al cioccolato, purea di pere, gelato alla crema e pere sciroppate;  oppure gelato al croccante, salsa caramel e gelato al caramello. Ancora, le torte gelato a cubo, da 2-3 porzioni, tutte con una base di pan di spagna (8,50 euro al pezzo).

DOVE E QUANDO - Vaniglia è aperto tutti i giorni da mezzogiorno a mezzanotte, via Ezio Biondi 3, traversa di Corso Sempione.