Osterie d'Italia Slow Food

Osterie Slow

È la Lombardia una delle regioni più chiocciolate d'Italia

Sono 23 i locali lombardi premiati con la Chiocciola di Slow Food nella guida Osterie d'Italia 2011. Davanti al Veneto (che ne conta 20) e subito dopo il Piemonte (che ve vanta ben 25). E nel dettaglio, è la provincia di Brescia a contemplarne otto, seguita da quella di Cremona con sette, di Mantova con tre, di Bergamo e Sondrio con due e di Como con una. La loro peculiarità? Quella di essere  trattorie, ristoranti familiari, enoteche con cucina e agriturismo capaci di tutelare e valorizzare la biodiversità agroalimentare. Invitando a un assaporare più saggio e lento, in un ambiente curato e accogliente. Della serie, tipicità non vuol certo dire banalità. Anzi, come sostiene Paola Gho, curatrice del volume, "tradizione e territorio possono essere, lungi dal significare ripetizione e monotonia, una splendida palestra di originalità. Non mi stancherò di dire che le cucine regionali conservano, per chi ha la voglia e la pazienza di interrogarle, una ricchissima messe di preparazioni".

Basta sfogliare il "sussidiario del mangiarbere all'italiana" per capire: oltre 900 pagine preziose di 1.700 indirizzi segnalati lungo tutto il Bel Paese, dalla Valle d'Aosta alla Sicilia. Con qualche novità rispetto alle precedenti edizioni. Ad esempio, le cartine (create in collaborazione con il Touring Club Italia); l'inserto dedicato ai pesci d'acqua dolce di Lombardia e alle osterie che li servono con particolare attenzione alla tracciabilità; nonché un percorso tra le vecchie glorie, ovvero quei posti che, col tempo, si sono evoluti, pur mantenendo fedeltà al genuino genius loci.

Insomma, un gastro-baedeker che orienta verso il buono autoctono (in libreria a 20 Euro), da leggere puntando il dito su alcuni simboli: la bottiglia, che suggella le cantine più fornite; la mezzaluna di formaggio, che premia i locali con la miglior selezione di caci; nonché altri, pronti a indicare i locali accessibili ai disabili e quelli con un menu gluten free.

SCOPRI LE CHIOCCIOLATE D'ITALIA:
Slow Food