La ricetta del mese - È tempo di riso

Un risotto allo zafferano diverso dal solito

La rubrica di cucina si veste di Expo e saranno i cluster, ovvero le identità tematiche in cui sono stati raggruppati tutti i paesi del mondo, a guidarmi nella scelta dell’ingrediente del mese.

In totale sono nove, ma io ne prenderò in considerazione solo sei, dedicandone le ricette nel corso del semestre cui andiamo incontro. Il primo cluster scelto è il riso. E come non proporre un grande classico della tradizione italiana e meneghina in particolare?

Sarà il risotto allo zafferano protagonista della prima ricetta del mese di maggio. Ho voluto riproporre il piatto dello chef stellato Massimiliano Alajmo che abbina la polvere di liquirizia, ma con una mia personalissima versione di cottura.

Non metterò cipolla né parmigiano, la prima perché non posso mangiarla, il secondo perché adoro sentire il gusto dello zafferano e manteco solo con l’olio.

Basta chiacchiere, cuciniamo!

Risotto allo zafferano con polvere di liquirizia

Risotto allo zafferano con polvere di liquirizia

la mia idea di risotto allo zafferano

  • LIVELLO DIFFICOLTÀ
    • basso
  • TEMPO DI PREPARAZIONE
    • 18 minuti
  • INGREDIENTI PER 4 PERSONE
    • 350 g di riso carnaroli
    • 1,2 l di brodo vegetale
    • 4 g di pistilli di zafferano
    • 2 g li liquirizia
    • olio extra vergine di oliva
    • sale
    • pepe

PROCEDIMENTO

In una pentola tostate il riso a secco, senza grassi. Sono diverse le teorie a riguardo, io tendo a non usare olio né burro. È un passaggio molto importante da fare a fiamma bassa poiché il calore deve penetrare il cuore del chicco (e non bruciare).

Aggiungete poi i pistilli di zafferano e il brodo, poco alla volta, in modo da farlo assorbire lentamente. Non mescolate di continuo, non è necessario, fatelo con parsimonia solo per controllare che non si attacchi al fondo.

Aggiustate la sapidità con il sale e continuate la cottura per circa 15 minuti. Trascorso questo tempo, assaggiate e verificate se è pronto. Togliete poi dal fuoco, aggiungete l’olio e iniziate a mantecare. Adesso è necessaria un po’ di energia.

Muovete con decisione la pentola con un movimento ripetuto “avanti e indietro” aiutandovi con un cucchiaio di legno per amalgamare meglio il tutto e permettere che gli amidi del riso a contatto con l’olio possano creare una deliziosa consistenza cremosa.

Disponete il risotto al centro del piatto e battete al fondo in modo da distribuirlo su tutta la superficie. Aggiungete la polvere di liquirizia e assaporatelo in tutta la sua semplicità.

Un risotto insolito

Un risotto insolito