Identità Expo

Per sei mesi, i più grandi chef italiani e internazionali deliziano i palati nel temporary restaurant di Expo 2015

Con un percorso gastronomico orchestrato dal tristellato Massimo Bottura, è partita in gran stile Identità Expo, iniziativa gourmande organizzata da Identità Golose in occasione dell’Esposizione Universale.

Per sei mesi, nel temporary restaurant allestito all’interno di Expo 2015, si alterneranno oltre 200 cuochi d’eccezione, impegnati nella preparazione di un intero menu d’autore.

Ogni settimana, dal mercoledì alla domenica, verrà coinvolto un fuori classe dell’alta cucina italiana e internazionale, per deliziare i visitatori del sito di Rho-Fiera con una degustazione disponibile al prezzo di 75 Euro, vini compresi, a pranzo e a cena.

E il lunedì e il martedì? A mezzogiorno, spazio agli Italian Contemporary Chefs, talentuosi cuochi italiani selezionati per essere protagonisti ai fornelli del ristorante temporaneo al alto tasso gourmet.

La sera, invece, sarà possibile assaggiare i menu Identità Expo, che varieranno nel tempo, con una costante: lo Spaghetto Milano firmato dallo chef Andrea Ribaldone del ristorante stellato Ai Due Buoi di Alessandria. Una gastro-creazione ideata ad hoc, in omaggio al capoluogo meneghino.

Un'evoluzione contemporanea del piatto simbolo della Madonnina, che prende forma in uno spaghettone Monograno Felicetti mantecato in crema di risotto alla milanese, su cui fa capolino un ragù di ossobuco con gremolada di limone e prezzemolo.

Lo Spaghetto Milano, il piatto ideato da chef Ribaldone per Identità Expo

Lo Spaghetto Milano, il piatto ideato da chef Ribaldone per Identità Expo

gli chef stellati portano gli astri nel piatto

Per 26 settimane, grandi maître cuisinier si avvicenderanno ai fornelli del temporary restaurant di Identità Golose. E per il pranzo della domenica, gli astri raddoppiano con inediti duetti gourmet a quattro mani.

Dopo l'apertura delle danze con Massimo Bottura dell'Osteria Francescana, il testimone stellato passa a Ugo Alciati del piemontese Guido Ristorante, in scena dal 5 al 10 maggio.

Seguono altri nomi importanti, che vanno da Marco Stabile dell'Ora d'Aria di Firenze al due stelle Michelin Emanuele Scarello del ristorante Agli Amici di Udine, dal marchigiano Moreno Cedroni a Davide Oldani del D'O.

E ancora, Carlo Cracco, Pino Cuttaia, Giancarlo Perbellini e, tra gli stranieri, il peruviano Diego Muñoz dell'Astrid & Gaston di Lima e il brasiliano Rodrigo Oliveira.

Tra i talenti tricolore degli Italian Contemporary Chef, sono previsti tra gli altri il bistellato Norbert Niederkofler del St.Hubertus di San Cassiano in Alta Badia, Antonia Klugmann, fresca della sua recente apertura de L’Argine a Vencò a Dolegna del Collio, i nostri Claudio Sadler e Andrea Berton.

In programma anche incontri, show cooking e momenti di focus tematici quali Le Cucine del Mondo, Identità di Pasta, Identità Naturali, Identità di Libri e la Scuola di Cucina. Per un totale di oltre 450 eventi dedicati alla cultura gastronomica. Il calendario completo è disponibile a questo link.

Pino Cuttaia e Italo Bassi, tra gli chef coinvolti da Identità Expo

Pino Cuttaia e Italo Bassi, tra gli chef coinvolti a Identità Expo

Correlati:

Guarda la Foto Gallery completa