CocoRadicchio in provincia di Treviso

Fiori d'inverno

Nei ristoranti della Marca Trevigiana, ritorna CocoRadicchio. Dal 5 febbraio al 9 marzo

Sono teneri, delicati e prelibati. Sono i fiori che si mangiano: il Radicchio Rosso di Treviso e il Variegato di Castelfranco igp. Due chicche invernali protagoniste della ventiduesima edizione di CocoRadicchio, golosa staffetta gastronomica che coinvolge il Gruppo Ristoratori della Marca Trevigiana (sono in sette, di cui uno a Monaco di Baviera), dal 5 febbraio al 9 marzo.

Il tema di quest'anno? Il connubio fra arte pittorica e arte culinaria, con Giorgione (di cui si celebra il conquecentesimo anniversario della morte) a far da genio ispiratore. Nei menu delle diverse serate, infatti, compare sempre un piatto peculiare: la rivisitazione, secondo contemporanei canoni, di una ricetta dell'epoca rinascimentale, proposta in un contesto capace di rievocare il fasto delle corti. In tutto sette pelibatezze, che si trovano anche riunite nel volume Déjeuner sur l'herbe con Giorgione, edito da Terra Ferma di Vicenza.

Ma non finisce qui. Al fine di meglio valorizzare il territorio, molti ingredienti utilizzati in cucina sono veneti Presidi Slow Food, ovvero prodotti buoni, sostenibili e radicati nella cultura locale. Ecco allora gli appuntamenti con i Coco7: venerdì 5 febbraio, da Miron, a Nervesa della Battaglia; giovedì 11 febbraio, all'osteria Der Katzlmacher, a Monaco di Baviera; venerdì 19 febbraio, al Terme di Vittorio Veneto; venerdì 26 febbraio, Alla Torre di San Zenone degli Ezzelini; mercoledì 3 marzo, Da Gigetto di Miane; venerdì 5 marzo, da Barbesin, a Castelfranco Veneto; e martedì 9 marzo, Da Celeste, a Venegazzù. Le cene hanno un costo di 60 Euro.