Menu siciliano al Principe di Savoia

Con la Sicilia A(c)canto

I sapori della bella isola vanno dal Principe

Una brezza siciliana accarezza le cene dell'Acanto, il ristorante del Principe di Savoia. Dall'8 al 21 marzo, infatti, la carta firmata dal resident chef Fabrizio Cadei viene affiancata da un menu messo a punto dallo chef Pietro D'Agostino, una stella Michelin a La Capinera di Taormina. Una sfilata di ricette che celebrano i prodotti autoctoni della buona Trinacria, riletti da un tocco creativo e intrigante, ma sempre rispettoso di stagionalità e qualità degli ingredienti.

Tanti i piatti che si possono assaggiare (anche singolarmente) per un vagabondare fra orto e mare, scoprendo anche insoliti sapori. Ecco allora l'ittico crudo con agrumi, sale di Mothya e mandorle pizzute di Avola; i tramezzini di gamberoni rossi di Mazara con crema di broccoletti Siciliani e salsa alle acciughe; i mezzi paccheri trafilati a bronzo con scampetti nostrani, telline e pomodorini datterini al forno; la pasta con le sarde alla maniera di Pietro; il trancetto di tonno pinna gialla con cipolla rossa in agrodolce e centrifugato di carote e sedano; il bianco di dentice pescato all'amo con crema di melanzane perline, miele, zenzero e carciofi di Cerda; il tortino caldo all'oro di Bronte con salsa ai pistilli di zafferano ennese e gelato alla ricotta biologica; e il cannolo di  ricotta con sorbetto alle arance rosse dell'Etna (prezzi da 14 a 38 Euro).

Correlati:

www.ristorantelacapinera.com