Milano Market Tour

Seconda tappa fra i migliori mercati rionali meneghini

Come tradizione vuole, in ogni piazza di paese e in città, che ci siano pioggia o 40° all'ombra, l'appuntamento settimanale è fisso: "Pummaroli! Pummaroli a 2 Euro la cassa!" Cambiano gli accenti e i frutti di stagione ma la spesa al mercato rionale ci riporta sempre in quel caos genuino, allegro, caldo e familiare. Emozionante come un viaggio tra i sapori, l'avventura prende il via con il giro di ricognizione tra i banchetti: l'offerta del giorno, il commerciante più simpatico e quel profumino irresistibile.

OLD SCHOOL - Ogni zona di Milano ha il suo mercato rionale che, anche più giorni alla settimana, già dalle 6 del mattino, monta, scarica e allestisce il colorato e goloso sipario. Il piacere si gusta lentamente passeggiando tra calde prelibatezze di rosticceria, capi finto-griffati, biancheria, prodotti per la casa, saponi e interi banchi "tutto a 5-10 Euro". Frutta, verdura, formaggi tipici, salamoia e dolcezze insieme a pane e pesce fresco stuzzicano le fantasie culinarie di chi, attento al caro prezzi, non rinuncia a celebrare le gioie della vita. 

FIUTO - Ci vuole fiuto per gli affari ma è anche bene sapere che non tutti i mercati sono uguali a Milano. Alcuni intorno alle 13.00 ritirano ombrelloni e mercanzie, mentre in altri la caccia all'occasione si prolunga fino alle 18.00. Accorgimenti importanti se si va alla ricerca di primizie e prelibatezze alimentari, ma non solo. Ognuno si aggira tra le bancarelle con il suo stile ma nel vademecum dell'esperto ci sono: vista aguzza-tipo radar, scatto rapido, testa dura e una buona dose di arte nella trattativa. Ecco uno dei possibili market tour settimanali e qualche dritta.

SAN MARCO E CREMA - Il lunedì, al mercato di Via San Marco, raccolto nella sua storica cornice, i prezzi oscillano e le chicche abbondano. Martedì fino alla pausa pranzo in Via Benedetto Marcello, dove rifocillarsi con pesciolini fritti al momento, dopo aver riempito le sporte. Mercoledì suggeriamo il melting pot di Viale Monza dove scovare gli ingredienti per una cena etnica, tra i sorrisi. Prezzi stracciati il giovedì al gran mercato di Viale Ungheria (zona 2), mentre al venerdì ci si sposta tra Bonola, Gratosoglio e in Via Crema soprattutto per il pesce fresco e una visita al banco del furmagiatt (latticini da urlo). È di nuovo sabato ma non c’è weekend senza quel bel pane casereccio che vendono al mercato del Baravalle.

PAPINIANO - Capitolo a parte per il mercato di Viale Papiniano: uno dei più famosi e affollati, il martedì, ma, soprattutto, il sabato. Imboccatelo da Piazza Sant'Agostino, addobbata di frutta, verdura e qualche fiorista primaverile. Preparate l'assetto da guerra e infilatevi nello stretto corridoio trai banchi. Servirebbero cento mani e occhi dappertutto ma con astuzia rintracciate il morbido banco del cachemire a prezzi imbattibili o l'imperdibile signora dei vestiti da principessa del vintage. Dall'intimo ai capi moderni, da ultima collezione del pret a porter: donne siete nel posto giusto. 
 

Correlati:

www.turismo.comune.milano.it