Krizia

La iperfemminilità contro l’androginia dilagante

Da uno studio sociologico si è scoperto che la donna d’oggi sta perdendo tutte le caratteristiche peculiari dell’essere femmina per una appariscente androginità, per questo motivo Krizia ha deciso di mettere a confronto le due tipologie di donne.

Per la donna ancora femmina propone la linea sinuosa dei tailleur, delle giacche e delle guepiere. Le gonne si accorciano, il punto vita si alza, i colli si strutturano con pieghe o dischi sovrapposti e le spalle sono arcuate.
Agli abiti vengono aggiunti motivi geometrici ad ogiva, cerchi, semicerchi, cerchi concentrici, e ricami soutage o paillettes. Particolari sono le collane a disco in argento dorato.

Per la donna androgina, il guardaroba rispolvera le creazioni di Gilbert Adrian, lo stilista che vestì Greta Garbo nei suoi film più celebri. Vengono riproposte le stole di volpe, i velluti di seta, le calottine, l’abito di maglia nera, i cappotti lunghi e le vestaglie di raso.