Etro

La ricerca della luce e del colore: dal Neoclassicismo alle tendenze contemporanee

Una delle fonti d’ispirazioni della moda è l’arte, poiché essa fornisce non solo modelli e stilemi, ma essenzialmente lezioni di luce e colori.
Etro studia la luce e il colore partendo dal Neoclassicismo e approdando alle avanguardie contemporanee, assimilando così le esperienze di Alma Tadema, dei Fauvisti e di Matisse; il tessuto si trasforma in tela e su di lei scorrono grandi pennellate di colore alla Rotchko trasformando l’abito in un capo unico.
La ricerca creativa di Etro è anche una fusione di stili attinti dal profondo sud, uno sguardo a 360 gradi sul mediterraneo che va dall’antica Magna Grecia all’Italia meridionale.
Aa una realtà così varia si ispirano abiti morbidi, grandi e gonfi, ai quali sono aggiunti plissettature, drappeggi e incroci.
I colori assumono tonalità mediterranee con il blu che degrada nelle stampe, mentre l’effetto leggero e fluido è dato da stampe di fiori e paisley stilizzati.
Le linee degli abiti lunghi disegnano il corpo incrociandosi sotto il seno e lungo la scollatura. L’influenza greca è visibile nei ricami bizantini che bordano le gonne e nei disegni a forma di rombo e cerchio.
Particolare è la rivisitazione di un capo maschile come la bretella, inserita persino nelle scarpe e nelle borse, ed i pantaloni dal taglio pigiama.
Tra gli accessori le scarpe coi tacchi alti, sandali piatti e il ritorno della forma a secchiello.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati