Festival del racconto

Quando la Lombardia si svela

Torna il festival del Racconto sulle orme dello scrittore Piero Chiara

Non c'è peggior cieco di chi non vuol vedere. Si viaggia, si fugge, si cerca il lontano. Si sottovaluta il limitrofo, la provincia tanto nota quanto ignorata, i luoghi del ricordo, dove le memorie regalano sicurezze e paure, dove, è vero, spesso è difficile o pericoloso inoltrarsi. Per molti è meglio una rassicurante cecità. C'è chi ha fatto sì che questi fossero i luoghi cardine della propria arte. Parlo dell'intramontabile Piero Chiara, autore di gioielli letterari quali "Il piatto piange", "La stanza del vescovo" e "Il cappotto di astrakan".

IL FESTIVAL - Varese, Luino, Busto Arsizio, Tradate, Azzate, Lugano, Somma Lombardo, Castiglione Olona, Milano. Dal 7 Settembre al 25 Febbraio queste saranno le città protagoniste dell'edizione 2006 del Festival del Racconto. Evoluzione naturale del Premio Chiara, la rassegna culturale coinvolge il pubblico fra scrittura, musica e cinema. La partecipazione agli incontri è libera.

LA PROVINCIA SVELATA - Il Premio- ideato nel 1989 a tre anni dalla morte dello scrittore-  è incentrato sulla misura narrativa breve, il racconto, di cui fu esimio rappresentante Piero Chiara, legato visceralmente alla sua provincia, quella di Varese. Ad essere premiati saranno racconti editi in Italia e nel Canton Ticino, zona quest'ultima immancabile nella poetica del noto scrittore. Verrà inoltre conferito il Premio Chiara alla carriera.

GLI OSPITI - Molti i partecipanti noti. Letteratura, arte, musica, cinema. Mondi diversi che si sfiorano, si parlano, giocano insieme nei fasti di una provincia dal fascino crepuscolare e rustico. Il giornalismo di Corrado Augias, che il 7 settembre intratterrà il pubblico a Villa Recalcati di Varese. La musica di Eugenio Finardi - l'11 settembre- e di Samuele Bersani - il 16 settembre. La verve di Nanni Svampa- il 9 settembre. L'acutezza di Elisabetta Sgarbi - il 25 settembre. Il carisma e la professionalità teatrale di Moni Ovadia - il 12 settembre- e di Roberto Baliani - il 15 settembre. La provocatorietà di Andrea Pinketts- il 26 settembre. E ancora Carlo Lucarelli - il 21 settembre - con i suoi misteri che rapiscono i lettori. Il programma è ricco e variegato e si protrarrà fino al 25 febbraio. Lettori consolidati, pubblico giovane e non, semplici amanti della musica o del cinema si ritroveranno a condividere e scambiarsi linguaggi, forme e sensi.

IL CINEMA - Il piccolo mondo antico narrato da Chiara è riferimento e ispirazione per molti registi che hanno voluto raccontare con le immagini ciò che il maestro amava scrivere. Tradimenti, inquietitudine, facciate aleatorie, delitti scabrosi, emozioni sfaccettate che permeano luoghi e volti. Uno sguardo sulla provincia così fecondo per registi del calibro di Dino Risi, Mario Monicelli, Luciano Salce e Bruno Lattuada. "Il piatto piange", "Il cappotto di Astrakan", "La stanza del vescovo". Sono solo alcuni dei titoli previsti dalla rassegna.

INFORMAZIONI - Per saperne di più su luoghi, eventi e  orari, consultate il sito www.ilfestivaldelracconto.it o chiamate il numero 0332 335525.