Notti brave catanesi

Viaggio nei locali italiani: Acquasanta anima il cuore nottambulo di Catania

Inizia il nostro viaggio alla scoperta dei locali più cool del nostro stivale. Siamo a Catania e Acquasanta è un'antica raffineria di zolfo nel famoso quartiere delle ciminiere detto anche "degli elefanti" divenuto locale grazie al progetto dall'architetto Marco Raineri.

MOVIDA NOTTURNA - Adatto a nottambuli doc, amanti del buon gusto e delle serate discrete è diviso in due aree, mattoni a vista per le pareti, lucidate da resine che fanno da contrasto al lampadario in stile barocco con gocce di cristallo, i pavimenti sono di lamiera color ruggine e trattati con cera trasparente. La sala principale accoglie un banco bar di pelle bianca trapuntata abbinato piacevolmente alle celebri sedute Barcellona di Mies Van der Rohe che donano un aria vintage-fashion ineguagliabile. Contraddistingue il classico banco bar, una serie di monitor che trasmettono video di sfilate visibili dall'alto attraverso il piano di cristallo. Nella seconda zona, con grande vetrata che s'affaccia all'esterno, la consolle dj posizionata dentro un antico pianoforte a coda.

MUSICA E NON SOLO - La musica è in prevalenza jazz e lounge, solo poche volte, come nei party, raggiunge i battiti più veloci della soft dance. Il locale apre all'ora dell'aperitivo e resta aperto fino a tarda notte offrendo una scelta accurata di drink e musica. Tra le specialità da segnalare il cannolo di ricotta con musse di cioccolato caldo e il Mojto Special, con pepe nero e menta fresca, raccolta nella piantagione interna del locale. I bagni sono originali, un inno al sacro e profano. Per contraddistinguere i due sessi sono state usate immagini sacre rielaborate. Cristo, per indicare quello dei maschietti e la Madonna per indicare quello delle femminucce. I lavandini sono delle vere acquasantiere di marmo lavorato.