Musica, arte e cinema all'ombra dell'Etna

Contaminazioni musicali, visive e artistiche a Catania per Etnafest 2007

La città di Catania continua ad ospitare Etnafest, rassegna internazionale di Musica, Arte e Cinema, che in questa edizione 2007 apre ancora di più il varco del dialogo col mondo. La manifestazione, promossa dalla Provincia Regionale e dall'Azienda Provinciale per il Turismo di Catania, propone un ghiotto programma.

ETNAFEST 2007 - La Sicilia è stata sempre terra predisposta alle contaminazioni: culturali, sociali, storiche. Se focalizziamo l'arte, il cinema e la musica è opinabile la possibilità di mettere a confronto dimensioni culturali diverse. Un suono di un paese del Mediterraneo può incalzare sull'immagine di una sequenza di un paese opposto, e far sì che diverse popolazioni crescano accentuando la ricchezza della diversità. "Etnafest segue alcune linee guida frutto di un indirizzo politico ben preciso – spiega il Presidente della Provincia di Catania Raffaele Lombardo - uno standard qualitativo altissimo; una grande spettacolarità con conseguente capacità di grande coinvolgimento da parte del pubblico; un ampio spettro di esperienze cosmopolite in grado di fare della Provincia di Catania un contenitore di grande appeal internazionale; un’attenzione sempre più marcata alle culture nazionali e una politica dei prezzi che rende i singoli appuntamenti accessibili a tutti".

MUSICA – A marzo il suono si apre al virtuosismo del linguaggio della danza contemporanea col Daviolo Dance Theater (Teatro Ambasciatori, 23 febbraio ore 21.00), alle sperimentazioni musicali delle nuove avanguardie con Elliott Sharp's Terraplane e le sue improvvisazioni blues (Centro Zo, 3 marzo ore 21.00), alle performing arts del gruppo newyorkese VisionintoArt (Teatro Sangiorgi, 8 marzo ore 21.00). Il Teatro San Giorgi diventa struttura polifunzionale attraverso varie proposte che tracciano orizzonti appetibili: il sestetto dei Bang on a Call Stars (14 marzo, ore 21.00), il sassofono vibrante della leggenda vivente Pharoah Sanders (19 marzo, ore 21.00) o la batteria contemporanea di Jack Dejhonette (21 marzo, ore 21.00).

CINEMA E ARTE – L'universo filmografico si apre a diverse proposte che si muovono in direzioni opposte e per questo stimolanti. Il 27 febbraio è dedicata ad una serata surrealista con le proiezioni delle pellicole di Clair, Bunuel e Léger. Le date degli altri appuntamenti sono ancora in fase di definizione. Aprile è dedicato ad un omaggio al regista Luchino Visconti, con la presentazione di un libro e la presentazione di La Terra Trema, mentre per le mostre si dovrà attendere che il calendario sia aggiornato.

Correlati:

www.etnafest.it