Lemon 8 @ Lust Minute

Albert Vorne & Co. portano a Milano la techno-progressive-trance che non c'è

FILOSOFIA LUST MINUTE - "Portiamo a Milano ciò che a Milano non c'è", questa è la filosofia di Lust Minute, la serata techno-progressive-trance ideata dal dj Albert Vorne che, dopo un inverno gelido passato fra le pareti del Gasoline, si sposta nel più estivo Circolo Magnolia sulle rive dell'Idroscalo, il primo locale arrivando da Linate, dove resterà per due volte al mese. La prossima sarà il 30 giugno.

DJ RDP E ALBERT VORNE - La serata inizia con poco pubblico, ma è normale in questa stagione e con nel locale a fianco un mostro sacro come Carl Cox. Ecco però un bel set tech-house con lievi accenni trance molto originale ed apprezzato del bravissimo Roberto RDP, giovane promessa dell'elettronica made in Italy. RDP è stato scoperto da Vorne al quale cede il posto dopo aver scaldato gli apparati auditivi della gente dedita al relax pre-serale. Con l'avvento di Albert in console la pista inizia a scaldarsi e la gente a dimenarsi. Il suo è un classico set tech-house, leggermente più commerciale del suo adepto, con brani anche cantati fra cui il remix di Skye - Love Show.

HARRY LEMON - Un'ora esatta dopo sale sul palco la guest della serata, il dj-producer Harry Lemon aka Lemon 8, considerato tra i pionieri del sound progressive e trance di stampo olandese che oggi stampa e produce per la colossale Armada Music, quella di Armin Van Buuren per intenderci. Il suo set inizia con un sound house-elektro, continuato con dell'ottima tekno per poi sfociare nella trance, il tutto con leggere, ma marcate influenze tribali. In chiusura di serata un set particolarmente oscuro di Vorne.