La Noche de Fuego dell’Open Gallery

Tutti i giovedì è serata latina dai sapori speziati e dai ritmi musicali coinvolgenti

Per gli amanti del mondo latino l'Open Gallery propone ogni giovedì la Noche de Fuego, una intensa serata ricca di emozioni e divertimento. Si respira un’atmosfera molto affascinante ed è il posto ideale dove andare a condividere momenti di allegria con i propri amici o scambiare teneri sguardi con il proprio amore, gustando degli sfiziosi stuzzichini, ascoltando della buona musica e guardando dei video clip proiettati su due maxi schermi che si sviluppano lungo i due livelli del locale di via Sanzio.

Forchetta e coltello alla mano e si inizia a gustare la Noche de Fuego in compagnia del menu dai forti sapori Vizi e Sfizi latini. “Variamo ogni settimana perché vogliamo offrire ai nostri ospiti un ventaglio di sapori variegati – ci spiega l’ingegnoso chef James Iotti  - che sfociano in gusti latini. Ho portato qui all’Open Gallery la mia esperienza gastronomica spagnola. E poi adoro le spezie tanto che le faccio arrivare direttamente da Nizza, dove nel nucleo del vecchio mercato si sentono questi profumi che si sposano con la salsedine del mare”.

Il menu comprende un piatto di antipasti particolarmente ricco, presentato in maniera molto coreografica e curato nei dettagli, una piccola opera d’arte da assaporare con il sorriso sulle labbra boccone dopo boccone. Abbiamo avuto il piacere di gustare le albondigas (polpettine di carne con formaggio fuso), le croquetas de pescado (crocchette di pesce infilzato), l’empanada gallega (pasta sfoglia ripiena con tonno e foglie di menta), le famose tortillas ripiene di carne, il tutto accompagnato da patate novelle con crema piccante.

Il panciuto peperone rosso fa da filo conduttore tra gli antipasti ed il piatto unico, la punta coronada, un medaglione di carne farcito con pancetta e servito con riso saltato al coriandolo e salsa catalana. Completa il pasto l’immancabile sangria della tienda.

A convivio terminato ci si guarda con soddisfazione, un po’ di pausa e magari un caffè. L’intesa ci porta a scendere in pista e dar vita a qualche, inizialmente timido, passo caraibico spaziando dal merengue alla bachata,  per poi scatenarsi in una briosa salsa cubana. E per chi avesse già nostalgia di questa piacevole serata, occorrerà attendere il prossimo giovedì per ripetere questo saporito rituale.