Intrecci di Trinacria

Preziosi ricami, mobili d'antiquariato e artisti del legno e metallo: l'arte viene dal profondo Sud d'Italia

Erano presenti all'Isola dei Mestieri di Comiso, città vicina a Ragusa dove il Barocco si incontra con il Liberty. Ma loro operano ininterrottamente per regalare opere da indossare e da mostrare. Sono gli artisti-artigiani della bella cittadina siciliana. Noi li abbiamo incontrati e loro ci hanno svelato segreti e virtù di quel raffinato operato che nasce dal sapiente lavoro delle mani.

UN CORREDO DA FIABA - Salvina Jacono è una ricamatrice emergente che partecipa a mostre con creazioni proprie. A 16 anni impara l'arte del ricamo e lavora ormai da più di 20 anni. La sua specialità? Lo sfilato, ovvero la lavorazione nella stoffa, dove dei fili contati (2x3, 4x4) sono sfilati sia in orizzontale che in verticale, seguendo disegno e contorni. Diverse le tecniche impiegate: sfilato in '400, il più difficile perché la trama è passata quattro volte, sfilato in '500, che segue i contorni del disegno senza trama, e in '700, con il classico effetto chiaro-scuro. E la voce '400, '500,'700 indica proprio “l'annata” in cui erano di moda. I lavori di Salvina, tutti su commissione, spaziano dalle tovaglie ai copriletto e dai centritavola alle tende. I più gettonati? I corredi per la sposa e per i neonati, i candidi lenzuolini della nascita.

FILATI E SFILATI - Angela Lo Bianco è maestra nel ricamo. Da ragazzina viene iniziata dalla mamma a questa fine arte e, con la nascita del primo figlio, quasi per passatempo, ricama su commissione. Poi apre un negozio ad Augusta e, nella stessa città, una scuola chiamata "Filati e Sfilati", dove, da settembre a giugno, quindici allieve di tutte le età (dai 28 anni sino alle over 60), con cadenza bisettimanale, apprendono i segreti di un'arte antica. Nel periodo estivo vengono organizzati corsi estivi per bambine (a partire da 8 anni).

DAL MODELLO ALL'ABITO - Angela Lipomi è, invece, la fashion stylist di trini e merletti. Lavora in casa, dà tutta se stessa e non risparmia né tempo né energie. Il suo approccio con il cliente è da far invidia agli uomini di marketing più incalliti. Dialoga con il cliente dal momento della creazione del modello (Angela schizza il figurino), sino al prodotto finale, curato nei minimi particolari, dove anche i bottoni possono essere rivestiti con tessuto ricamato. I suoi abiti, da haute couture, vengono realizzati con ricamo classico, con pizzi di Cantù, Rinascimento, chiacchierino, a punto Chiaramonte Gulfi, intaglio e sfilato siciliano. Incantevole l'abito da sera in cadì di seta nero, con manica a guanto, ampia scollatura sulla schiena, décolleté a cuore e corpetto di tulle ricamato.

CI VUOLE PAZIENZA - I requisiti del successo di Japichella Giovanna? Tecnica, lavoro non-stop, e tanta, tanta pazienza. Ricama tende, tovaglie, centri e centrini, asciugamani e bellissimi copriletto, dove la maestria di Giovanna è al top. Come quello in filet su lino, con applicato un ricamo intaglio, dove il tempo di lavorazione impiegato è di ben sette mesi. 
 
L'ARTE DEL FERRO – Biagio Corallo impara l'arte della saldatura dal padre mastro ferraio. E la mette da parte. Ora crea componenti d'arredo in ferro, semplici e essenziali, come la poltrona in stile “Bauhaus” con porta riviste incorporato, le librerie modulari, i tavolini che fungono anche da sgabello, i contenitori per cd e i porta-bottiglie (a piantana o da appendere). Originali le lampade applique con supporto in ferro e medaglione ovale in ceramica (disegni a stampa digitale).

L'ECOSOSTENIBILE - MaGa è un atelier costruito da due giovani artiste che utilizzano materiale riciclato. Pietra, carta, juta, sassolini, polvere di alluminio, ritagli di stoffa e baccelli essiccati sono alcune delle sostanze utilizzate negli affascinanti pannelli decorativi, di diverse metrature, intelaiati  su compensato e dipinti con tempere spray.

Per saperne di più: Isproa, Istituzione per la promozione delle attività produttive, tel. 0932 748234.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati

Correlati:

www.comune.comiso.rg.it