Concerto Hamid Drake Milano

Hamid Drake il riscatto della batteria

Aperitivo in concerto all'insegna delle contaminazioni tra reggae e jazz

Il reggae viene da lontano, ma sgomita su una batteria. Hamid Drake scherza col pubblico di Aperitivo in concerto e mette subito le cose in chiaro: "Un bravo batterista fa la differenza in un gruppo. Anche se gli altri musicisti sono scarsi (ride), l'importante è la batteria". E così uno strumento, troppo spesso bistrattato, diventa il protagonista di una domenica mattina in un happening musicale fatto di contaminazioni, dove la tradizione giamaicana e il jazz duellano per novanta minuti.

Drake, uno dei principi della world music, spazza via i noiosi step della maggior parte dei concerti che ci vengono proposti. Lui la chiama "music situation", atto magico con una sola regola da rispettare: lo spirito di gruppo, la condivisione delle sonorità. E la sua magnifica band gli sta dietro con la voce dai toni tribali di Napoleon Maddox, il trombone di Jeb Bishop, il contrabbasso di Josh Abrams e la chitarra di Jeff Parker.  

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati