Fuori Porta: Ognibendibio

Il biologico è servito. Per tutto novembre in tanti ristoranti lombardi

Simpatico il titolo. Intelligente il contenuto. Ognibendibio è la rassegna novembrina che omaggia la cultura del benessere. Quella che nasce dal pieno rispetto per l'uomo e l'ambiente. Quella che sa riverire gusto e salute non rinunciando alla qualità.
Quattordici i ristoranti lombardi che aderiscono all'iniziativa. Quattordici modi per comunicare uno stile di vita sano ma anche ricco di nuove e ghiotte sfumature. Quattordici realtà che, per tutto il mese, accoglieranno nei loro menu piatti e vini provenienti da agricoltura biologica. Per imparare a nutrirsi meglio.

L'IDEA - Tutto nasce dall'azienda Barone Pizzini, l'unica che in Franciacorta produce una docg da viticoltura biologica. E che vanta altre tre tenute in Italia, rigorosamente a conduzione bio: Pievalta, nella zona marchigiana dei Castelli di Jesi, Poderi di Ghiaccioforte, nella Maremma toscana, e Tenuta del Barco, nel Salento. Quattro microuniversi dove nascono nettari dal carattere autentico, visto che i vigneti sono coltivati senza ricorrere a fertilizzanti e pesticidi chimici e l'uva è sana e genuina. Della serie quando la tradizione enologica assurge a biologica. Fino a divenire una seria proposta per il pubblico, come Ognibendibio vuole essere.

BIOGOLOSITA'- Saranno materie prime di altissima qualità a venir trasformate in superbe leccornie dagli chef lombardi proseliti della kermesse all'insegna del naturale. Ciò significa che per le realizzazione delle pietanze verranno impiegati solo ed esclusivamente prodotti certificati bio nonché provenineti da specifiche aziende italiane, che del biologico hanno fatto la loro bandiera. Oltre alla Barone Pizzini e ai suoi vini non mancheranno numerose maison bio: le Fattorie San Lorenzo di Pegognaga (Mantova), allevatori di carni bovine; La Motticella di Lucera (Foggia), azienda che coltiva grano, foraggio, pomodori, vite e olivo; Arete di Bergamo, che produce e distribuisce frutta e verdura; Le Caselle di Prevalle (Brescia) che produce cereali, mais per polenta, frumento, erbe aromatiche e frutti di bosco; e Montebello di Isola del Piano (Pesaro-Urbino), marchio della cooperativa Alce Nero, con i suoi 40 formati di pasta realizzati con farine di grani antichi come il Senatore Cappelli, il farro e il grano egizio Graziella Ra, e poi creme di frutta, pomodori, cereali e legumi.

IL PADRINO
 - Sostenitore di cotanto bendibio non poteva che essere Pietro Leeman, lo chef stellato del milanesissimo Joia, dove la natura si trasforma in eccellenza. 

DOVE C'E' BIO C'E' SALUTE - Ecco i templi di Ognibendibio: Antica Cascina Lenga, via Panoramica 38, San Gallo di Botticino (Brescia), tel. 030 2691341; Atelier di Manrico, via Fratelli Bandiera 2, Curnasco di Treviolo (Bergamo) tel. 035 6226063; La Caprese, via Garibaldi 1, Mozzo, zona Borghetto (Brescia) tel. 035 4376666; Carlo Magno, via campiani 9, Collebeato (Brescia), tel. 030 2511107; Castello Malvezzi, via Colle San Giuseppe 1, Mompiano (Brescia), tel. 030 2004224; Due Colombe, via Roma 1, Rovato (Brescia), tel. 030 7721534; Guelfo Nero, via Roncaglie 1, Concesio (Brescia), tel. 030 2751065; Monnalisa, via Chiesa San Grisogno 7, Seriate (Bergamo), tel. 035 300728; Ol Giupì e la Margì, via Borgo Palazzo 27, Bergamo, tel. 035 242366; G.A. Porteri, via Trento 52 Brescia, tel. 030 380947; Il Rustico Villa Patrizia, via Rigla 27, Petosino di Sorisole (Bergamo), tel. 035 571223; La Sosta, via San Martino della Battaglia 20, Brescia, tel.030 295603; Santa Giulia, via Cesare Battisti 7, Timoline di Corte Franca (Brescia), tel. 030 9848350; Il Volto, via Mirolte 33, Iseo (Brescia), tel. 030 981462.

Altre info: numero verde 800 603960.