Fine settimana da lago

Sapori, folclore e nightlife sulla riviera veronese del Lago di Garda. Katia Ricciarelli a Milanodabere: "Adoro questa zona e vengo spesso a rilassarmi qui".

E' arrivato ottobre e per sfuggire alla tiepida malinconia autunnale c'è sempre l'atmosfera romantica e frizzante del Lago di Garda. Scegliendo la sponda veronese, ecco come programmare un tranquillo fine settimana.

TORRE DEL BENACO - Guardando la riviera degli olivi, si arriva a Torre del Benaco (VR), graziosa località turistica a 38 chilometri da Verona. Sul grazioso porticciolo romano, si sviluppa questo borgo medievale che solletica il viaggiatore con le sue viuzze. Qui, nella posizione panoramica di Albisano, sorge il Resort Hotel Le Torri del Garda. La struttura offre una cornice naturale suggestiva con un bel giardino ed è dotata di piscina all'aperto, area giochi per bambini, campo di calcetto, sauna e palestra. Le camere (63/53 euro in doppia) e le suite (73/61 euro) sono piene di confort e possono venire incontro ai bisogni anche di quelli più esigenti. Il pernottamento include nel prezzo anche la prima colazione a buffet.

PRANZO - Per entrare in contatto con la cucina legata al cambio di stagione, per il pranzo è di obbligo la sosta al Ristorante La Loggia Rambaldi di Bardolino, ubicato in una loggia cinquecentesca. Dal 1995 la famiglia Venosa gestisce questo ristorante, che affaccia sul piccolo porto della località veronese ed è caratterizzato da una sala elegante suddivisa in tre navate, dove domina un grande camino. La Loggia Rambaldi propone di solito un menu a base di pesce o carne (40/50 Euro) che traccia una mappa geografica dei sapori italiani e una varietà di accenti stagionali.

APERITIVO - E' tempo di Happy Hour e di inoltrarsi nel centro di Bardolino, in via Borgo Cavour 41,  alla ricerca dell'Osteria Bar Lo Strambino. Il locale, gestito dal simpatico Marco, conosciuto da tutti col nomignolo di "Fucile", predilige un'atmosfera calda e familiare, con una musica in sottofondo che agevola le conversazioni serali a sorsi di bollicine. L'aperitivo si serve dalle 18.00 alle 2.00 (consumazione Euro 5,00) di ogni giorno e si apre con un ricco buffet con salumi e formaggi, a cui si può abbinare un bicchiere di vino o quello consigliato da Marco: un fresco Lambrusco di Sabbioneta, servito con una fettina d'arancio.

CENA - Per cenare si può scegliere una dimensione del tutto diversa: che ne dite di un antico casale? Il ristorante Antico casale dei Tre camini, situato in una struttura del XVI secolo a Costermano (località Murlongo), propone una cucina genuina (40 euro menu a la carte) che riscopre i vecchi sapori con una particolare attenzione alla scelta dei vini. Tra i piatti tipici si consigliano il risotto ai funghi, le carni alla brace e i salumi di cacciagione, magari da abbinare ai vini Madre Perla e Perla del Golfo della Cantina Perla del Garda di Lonato. E se invece fosse una terrazza panoramica lacustre? A Bardolino c'è il Ristorante Montefelice, che nel menu delle pizze propone una vera e propria ghiottoneria: la camicia, farcita in vari modi e cotta a legno. Dal menu à la carte consigliamo invece le tagliatelle al tartufo.

NIGHTLIFE - Le notti si animano di sano divertimento alla Discoteca Hollywood di Bardolino, un vera istituzione di questa sponda dell'area del Garda. Nella splendida cornice nata dall'estro dell'architetto Gianni Gavioli, il locale chiude il 6 ottobre la stagione con un grande party. "Siamo molto soddisfatti - ci racconta l'art director Gianpaolo Marconi - perché anche quest'anno abbiamo offerto alla nostra clientela una serie di eventi, con una grande novità: a seguito della collaborazione con Muller, serviamo ai tavoli lo yogurt prodotto da quest'azienda leader". L'Hollywood ha salutato settembre con l'Oscar dell'Hotellerie 2007, condotto da Valerio Merola, con l'ambito premio consegnato  quest'anno all'albergatore "Senior" del Lago di Garda: "La dimensione del nostro turismo è molto ampia. L'ospite ha la possibilità di soggiornare in strutture di ogni tipo ed e per questo che i dati di ricezione ci danno grande soddisfazione", conclude il presidente dell'Associazione Albergatori Bardolino Ivan De Beni.

KATIA RICCIARELLI - A Bardolino, in occasione della 78a edizione della Festa dell'Uva, incrociamo Katia Ricciarelli. "Sarà perché sono veronese, ma io adoro questo lago ed in particolare questa sponda. Le persone sono accoglienti ed io vengo spesso a rilassarmi qui", ci racconta il grande soprano. Mentre passeggiamo, si finisce a parlare del rapporto tra i giovani e la lirica. "Hai ragione nel dire che la scomparsa di Pavarotti abbia scosso i giovani, dimostrando come ci sia ancora un filo tra i giovanissimi e la lirica - continua Katia Ricciarelli - Il mondo della lirica non è più elitario per fortuna, è sceso dal piedistallo e solo così che può venire incontro di più alle scelte giovanili. E poi anche Internet, strumento tecnologico delle nuove generazioni, può contribure alla riscoperta di questo mondo artistico".