Dalla culla mantovana musica in libertà

Il Mantova Musica Festival accende i riflettori fino al 27 maggio. Ricky Gianco ribadisce a Milanodabere: "Una grande manifestazione musicale contro il razzismo e le discriminazioni".

Mantova riaccende i riflettori sul Mantova Musica Festival con una passerella di artisti dal 23 al 27 maggio.

MANTOVA MUSICA FESTIVAL - Vale la pena spostarsi da Milano per manifestazioni culturali di un certo tipo. Il Mantova Musica Festival ha raggiunto il quarto anno di vita e per questo 2007 la città dei Gonzaga continua a primeggiare come culla culturale lombarda. Tanti stimoli per un programma vario e ricco, con concerti, più di 60 artisti, happening , programmi collaterali, e soprattutto giornate a tema. Tra gli ospiti ci sono Eugenio Finardi, Roberto Vecchioni, Patrizio Fariselli, Gino Paoli, Nada, Raiz, Roy Paci, Giovanni Collima, Alessandra Gatti e Ricky Gianco. Quest'ultimo partecipa al festival mantovano dalla I edizione: "Questa manifestazione è differente dalle altre - spiega Gianco a Camilla Pacelli di Milanodabere -  poichè totalmente gratuita, il protagonista principale è la musica dalla mattina alla sera ed ogni anno si cerca di affrontare un tema con un significato sociale forte, quello di quest'anno è intitolata Muri, provocazione alle barriere odierne dal razzismo ad ogni altro tipo di discrminazione sociale."

DA PUCCINI ALLA MUSICA DI SEMPRE – Il grande compositore della Tosca viene riletto da grandi nomi della musica contemporanea il 23 maggio (Piazza Sordello, ore 21.30): la tromba di Roy Paci o l'approccio letterario-musicale di Roberto Vecchioni tracceranno un percorso unico e zeppo di provocazioni in questo Giacomo Puccini da terzo millennio. Dal 24 al 26 maggio (Piazza Sordello, ore 21.30)  arriva anche la Rassegna Musicale, dove si contenderanno il podio giovani talenti e nomi affermati del panorama musicale, che interpreteranno il tema principale dell’edizione 2007: i muri. Anche i conservatori apriranno le porte ai loro talenti: Beatrice Rana, Lucia Serra, Maurizio Zaccaria, e tanti altri. A proposito Gianco dichiara: "La scelta di volersi ispirare al Grande Puccini si ricollega al tema principale dell'edizione 2007, si vuole oltrepassare il muro della musica classica e sfidare l'atteggiamento spesso snob dei suoi musicisti creando un'atmosfera di unione e festa senza differenze. Già Internet, oltre a indubbi vantaggi, ha purtroppo contribuito a creare isolamento nel panorama musicale dove l'artista e sempre più solo con il suo computer nei suoi diversi momenti artistici, c'è bisogno di ridare alla musica coralità, unione tra persone, rapporti umani e tutto questo accade a Mantova."

NUOVI TALENTI, LIBRI E NOTTE BIANCA - Spazio alle band emergenti mantovane il 27 maggio all'interno di Hyde Park (Piazza Sordello, ore 21.30), fulcro del festival per guardare ai nuovi talenti locali tenuti a battesimo quest'anno da Bandabardò. Profumi di jazz dal 24 al 27 maggio con Una storia del Jazz (Piazza L. B. Alberti, ore 22.00), in compagnia di diversi nomi come  i Colonial Club Ragamuffins, e Jazz al tramonto (Piazza Broletto, ore 20.30). Non poteva mancare un angolo dedicato ai libri musicali, e gli incontri con gli autori nella suggestiva cornice di Palazzo Andreani: da Nada (24 maggio, ore 18.30) a Simone Cristicchi (25 maggio, ore 18.30). La grande novità di questa edizione è la Notte Bianca, nella notte tra sabato 26 e domenica 27 maggio, dove in un'atmosfera notturna e privilegiata si vivrà, si ascolterà, si parlerà con il linguaggio della musica.

Correlati:

www.mantovamusicafestival.it